Wonder Woman

0
71
La principessa Diana in Wonder Woman

Sei stata il mio amore più grande. Stai attenta, Diana. Loro non ti meritano.
(La Regina Ippolita – Connie Nielsen)

Steve Trevor: Non hai mai incontro un uomo prima? Neppure tuo padre?
Principessa Diana: Non ho un padre. Sono stata portata alla vita da Zeus.
Steve Trevor: È fantastico!
(Steve Trevor e la Principessa Diana – Chris Pine e Gal Gadot)

Etta Candy: Sono la segretaria di Steve Trevor.
Principessa Diana: Cosa è una segretaria?
Etta Candy: Vado dove mi dice di andare, faccio quel che mi dice di fare.
Principessa Diana: Nel posto dal quale provengo questa si chiama schiavitù.
Etta Candy: Lei mi piace!
(Etta Candy e la Principessa Diana – Lucy Davis e Gal Gadot)

 

Dopo Batman v Superman: Dawn of Justice (2016), la DC porta sul grande schermo anche il personaggio di Wonder Woman, interpretata dalla bella Gal Gadot. È subito spiazzante il prologo mitologico in cui se ne raccontano le origini. Infatti ella è Diana, figlia di Ippolita, la regina delle Amazzoni. Loro vivono su un’isola persa nel mito dove questa società composta di sole donne si allena nel combattimento. Nel frattempo alla piccola Diana sono spiegate le origini divine del loro mondo.

Rispetto ai film di genere l’occhio può beneficiare della bellezza di ambientazioni mitologiche idilliache, con natura e spettacolari cascate. I costumi e armature delle donne a volte appaiono un po` finti, così come molto coreografate le sequenze di combattimento ma nel complesso questa parte è abbastanza godibile, soprattutto per il respiro arioso, l’ambientazione naturale e la luminosità ultimamente rara nei cinecomics.

L’arrivo di Chris Pine, nel ruolo di Steve Trevor, un pilota precipitato sull’isola, apre la narrazione, poiché egli è inseguito da truppe tedesche e attraverso di lui Diana  incontra il mondo esterno e maschile, che  prima ignorava. Le Amazzoni armate di archi e frecce devono fronteggiare i proiettili, in un combattimento di un impatto piuttosto cruento. Poi Diana e Steve Trevor si incontrano in una scena ad una fonte dove lui si sta lavando e lei vede per la prima volta come è fatto un uomo. La scena prevede un po’ di umorismo allusivo che va oltre le convenzioni di genere ma che risulta simpatico, denotando l’approccio femminile al film.

Diana ottiene di poter andare al fronte della prima guerra mondiale, in una Londra grigia che cambia l’atmosfera del film. Qui il personaggio di Diana emerge rispetto agli uomini: anche quando si mimetizza, vestendo abiti del luogo, la sua forza e bellezza si notano sempre, anche nell’apparente ingenuità dell’eroina che crede nella pace come valore supremo ma sa sedurre uomini di potere e convincere anche i suoi compagni a fare ciò che è apparentemente impossibile.

Pur nelle semplificazioni utopistiche della storia, si affronta il conflitto tra l’idea della salvezza dell’umanità e i compromessi politici tra le potenze per accomodare l’esito di una guerra logorante. Altrettanto torna il tema riguardante la relatività della bontà e la malvagità dell’umanità, già presente in Batman v Superman: Dawn of Justice (2016), ma qui in rapporto alla natura divina di Diana che deve chiedersi se sia giusto provare amore per la gente, e l’affetto crescente verso Steve Trevor.

In questo film  non c’è sempre armonia tra le varie atmosfere, in particolare la parte mitologica ambientata all’isola e quella nella Londra della guerra sembrano quasi due film diversi, e i dialoghi sfiorano a volte alcune ingenuità. ma è apprezzabile il respiro diverso di una storia al femminile che riflette sul senso di giustizia, bontà e malvagità della natura umana e che recupera gli ingredienti del genere fumettistico come alcuni spettacolari combattimenti, pur con effetti speciali al di sotto della media.

[review]

[two_fifth]

[/two_fifth]

[three_fifth_last]Wonder Woman

Genere: Avventura, Azione, Fantasy

Interpreti: Gal Gadot, Chris Pine, Connie Nielsen, Robin Wright, Danny Huston, David Thewlis, Saïd Taghmaoui, Ewen Bremner, Lucy Davis, Elena Anaya, Dino Fazzani, Kaveh Khatiri, Doutzen Kroes, Samantha Jo, Lisa Loven Kongsli, Florence Kasumba

Un film di: Patty Jenkins

Durata: 141 minuti

Data di uscita: 1 giugno 2017

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here