I Segreti di Wind River

0
717
Jane Banner e Cory Lambert in I Segreti di Wind River

Mi piacerebbe dirti che diventa più facile, ma non è così. Se c’è un conforto, ti abitui al dolore se ti lasci andare, sono andato a un seminario di dolore a Casper. Non so perché, solo, mi fa male così tanto, stavo cercando qualcosa che potesse farlo andare via. Questo è quello che volevo fare questo seminario, farlo andare via. L’istruttore si avvicinò a me dopo che il seminario era finito, si sedette accanto a me e disse: “Ho ricevuto buone notizie e cattive notizie. La cattiva notizia è che non sarai mai più lo stesso. Non sarai mai integro. Mai. Ciò che ti hanno preso non può essere rimpiazzato. Tua figlia se n’è andata. Ora le buone notizie: non appena lo accetti, non appena lascite stesso soffrire, ti concedi di piangere, sarai in grado di visitarla nella tua mente e di ricordare tutta la gioia che ti ha dato. Tutto l’amore che lei conosceva. In questo momento, non hai nemmeno questo, vero?” e ha detto: “questo è ciò che il non accettare questo ti deruberà”. Se schivi il dolore, allora ti derubi di ogni ricordo di lei, amico mio. Tutti. Dal suo primo passo al suo ultimo sorriso. Li ucciderai tutti. Prendi il dolore, prendi il dolore, Martin. È l’unico modo per tenerla con te.
(Cory Lambert – Jeremy Renner)

Wyoming, Stati Uniti. Il cacciatore di predatori Cory Lambert vive nella riserva indiana di Wind River, ed è proprio mentre per proteggere il bestiame locale sta dando la caccia ad un leone di montagna che si imbatte, abbandonato nel mezzo del nulla, nel corpo morto e stuprato di una giovane nativa americana.

La polizia locale chiama l`FBI ad indagare sul caso e questi mandano sul posto Jane Banner, giovane agente alle prime armi e con poca esperienza. La ragazza di Las Vegas si rivela decisa ad andare a fondo sul caso e chiede proprio a Cory di aiutarla. L`uomo, sposato e in crisi con una nativa americana per aver perso la figlia in modo simile tre anni prima, accetta.

Poliziesco e dramma si mescolano abbastanza bene nel nuovo mistery di Taylor Sheridan diventando però a conti fatti solo una patina che regala la trama di un prodotto focalizzato su ben altri aspetti. Primo dei concetti analizzato tout court è il modus vivendi della comunità dei nativi americani delle riserve: questa man mano che va avanti la pellicola viene letteralmente sezionata e fotografata in ogni suo aspetto, a partire dai matrimoni interrazziali – moglie nativa americana, marito dalla pelle bianca – proseguendo per l’antico idioma parlato da molti ancora, la modalità in cui si sviluppano i rapporti genitori/figli, il forte legame che queste popolazioni hanno con le proprie tradizioni tribali e con la natura, il modo in cui vengono trattate da tutti gli altri e, last but not least, il fenomeno della scomparsa delle ragazze e delle donne, che come viene raccontato nella trama spariscono senza essere trovate anche per via della vastità territoriale delle riserve indiane e per i climi gelidi che l’inverno regala a questi luoghi. A tutto questo fa da specchio l’amore declinato in ogni sua forma, sovente qui contrapposto all’odio o, meglio, all’assenza di sentimenti presente in molte aree degli States; l’amore da, e l’amore leva verrebbe da dire, e quando leva si deve essere così tanto forti dentro da riuscire a resistere al dolore che tutto questo può provocare. La critica maggiore su questo prodotto è legata alla sua lentezza: è vero che siamo in montagna, è vero che le tormente di neve sono all’ordine del giorno, ma è anche vero che da un poliziesco ci si aspetterebbe di più. A questa si lega un certo distacco delle anime di (quasi) tutti i protagonisti della pellicola stessa, e non perché recitino male, ma per una loro freddezza di fondo, forse richiamata dalla neve che pervade tutta la storia. Ho usato la parola “quasi” non a caso: se c’è un attore che risveglia tutta la trama, questo è Jon Bernthal alias Matt, lanciato alla ribalta dalla serie culto The Walking Dead (2010-) e sempre capace di comunicare emozioni forti. Bravo ma non eccelso Jeremy Renner, idem Elizabeth Olsen; meraviglioso il contesto naturale in cui tutto si svolge. Buono.

[review]

[two_fifth][/two_fifth]

[three_fifth_last] I Segreti di Wind River

Genere: Drammatici, Mistery, Polizieschi

Interpreti: Jeremy Renner, Elizabeth Olsen, Jon Bernthal, Kelsey Asbille, Julia Jones, James Jordan, Norman Lehnert, Gil Birmingham, Graham Greene (II), Martin Sensmeier, Eric Lange, Ian Bohen, Hugh Dillon, Matthew Del Negro

Un film di: Taylor Sheridan

Durata: 111 minuti

Data di uscita: 5 Aprile 2018

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here