Quando eravamo fratelli

0
446
Jonah e Ma in Quando eravamo fratelli

Manny: Jo, è stato fottuto.
Joel: Nah, quello stava solo fottendo.
(Manny e Joel – Isaiah Kristian e Josiah Gabriel)

Paps: Oh, pensavo che tu fossi scomparso.
Manny: Avresti dovuto cercarci.
Paps: Credo di aver trovato qualcosa di meglio.
(Paps e Manny – Raúl Castillo e Isaiah Kristian)

Utica, USA. Joel, Jonah e Manny sono 3 giovani fratelli portoricani che vivono insieme ai loro due genitori, un padre violento e dalle reazioni esagerate e una madre tanto bella quanto persa dentro sé stessa.

Mentre Joel e Manny crescono in modo più usuale, Jonah con il passare del tempo inizia a sentire delle differenze rispetto agli altri fratelli. Questo percorso di crescita diverso, però, non gli impedirà di volergli bene a modo suo per sempre.

previous arrow
next arrow
Slider

 

Dramma di Jeremiah Zagar che racconta la storia della crescita piena, assoluta e verso gli inferi della propria normalità di tre giovani vittime della propria famiglia e della società in cui vivono. Joel, Jonah e Manny – bravi tutti gli interpreti che ne ricomprono i non semplicissimi ruoli – sono tre ragazzi che imparano a mangiare e a vivere da soli, abbandonati nella crescita dai propri genitori, ripetendo azioni che sono spesso tipiche di altri mammiferi. Già, mammiferi e non persone, o probabilmente entrambe le cose, e in questo caso risulta importante sottolinearlo in modo chiaro. Animali che si supportano e si aiutano a vicenda per tutte quelle che sono le azioni e le funzioni basilari che permettono la vita umana di persone di quegli ambienti come il furto, la caccia, il sesso ed altro ancora; l’educazione di animali, quindi, non di bambini o di esseri umani. A questi si contrappone una coppia di genitori egocentrici ed egoisti visti, letti e analizzati con gli occhi dei figli. Il limite di un lavoro del genere, alla ricerca di risultati elevati e d`effetto, sta proprio nel suo faticare a toccare l`anima delle persone, che riescono con difficoltà ad esserne affascinati ed è un peccato, perché proprio questo legame interiore sarebbe dovuto essere il motore di qualcosa del genere. La trama fornisce anche una distante immagine dei sobborghi degli Stati Uniti, dove la vita viene vissuta da operai delle catene di montaggio ormai fuori dai tempi moderni e da scansafatiche nullafacenti in un eterno presente, come fosse qualcosa di cui non possiamo conoscere il punto di partenza e neppure il punto di arrivo. Focus particolare anche sulla violenza domestica di un marito su una moglie, perpetrata come se si trattesse della cosa più normale del mondo da mettere in pratica. Per il resto, fotografia superiore e da stropicciarsi gli occhi, il tutto condito con dei disegni essenziali che esprimono in modo semplice e diretto i concetti raccontati dalla pellicola. Non un capolavoro, ma resta un prodotto interessante anche se riuscito solo in piccola parte rispetto a delle alternative più alte.

Quando eravamo fratelli

Genere: Drammatici

Interpreti: Evan Rosado, Josiah Gabriel, Isaiah Kristian, Sheila Vand, Raúl Castillo, Terry Holland

Un film di: Jeremiah Zagar

Durata: 94 minuti

Data di uscita: 16 maggio 2019

REVIEW OVERVIEW
Buono
Previous articleJohn Wick 3 – Parabellum
Next articleScary Stories to Tell in the Dark, promo video e date
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here