Un Bacio

0
43
Lorenzo, Blu e Antonio in Un Bacio

Però l’amicizia è una roba grandiosa. Questo ricordatelo. E se, arrivata a quarant’anni, non hai amici, beh, datti da fare. Perché sono loro che ti salvano.
(Blu – Valentina Romani)

Lorenzo (Rimau Grillo Ritzberger) proviene da una casa famiglia, è adolescente ed è dichiaratamente gay. Viene preso in affidamento da Renato (Thomas Trabacchi) e Stefania (Susy Laude) e inizia a frequentare il Liceo Newton nella cittadina di Udine. E come sempre succede nelle città piccole e fra gruppi omologati e chiusi, il suo arrivo viene visto con diffidenza, sospetto, se non addirittura con cattiveria. Gli unici a riconoscersi e a riconoscerlo come emarginato ed escluso sono due compagni di classe: Blu (Valentina Romani), dura dall’animo luminoso, additata come quella ‘facile’, inevitabilmente in conflitto con sua madre; e Antonio (Leonardo Pazzagli), ripetente, taciturno playmaker della squadra di basket della scuola, da tutti creduto e trattato come un ‘idiota’ e inevitabilmente paragonato al fratello morto in un incidente di modo. Insomma, tutto da copione.

Eppure questa pellicola va oltre i cliché della cittadina di provincia, chiusa, claustrofobica, pettegola, va oltre gli standard dell’adolescenza problematica, della scoperta della propria sessualità e dell’accettazione della sessualità dell’altro: perché prima di tutto è un film sull’amicizia e, ancor più, sul coraggio. Il coraggio di sorridere anche nel rifiuto, il coraggio di guardare e andare avanti, il coraggio di sognare, il coraggio di mostrarsi. E il coraggio che manca, nel momento in cui sarebbe più importante attingervi a piene mani: che è il coraggio di costruire e difendere relazioni adulte e non soccombere a pettegolezzi, preconcetti e paure dei giudizi altrui.

Un film colorato, musicale e intenso, come colorata, musicale e intensa dovrebbe essere l’adolescenza. Ed è anche un film di denuncia di una scuola e una società inadatte ad affrontare problemi quali il bullismo (sia sui social network che nelle aule e nelle comunità locali), la sessualità, il rapporto fra generazioni così distanti e diverse quali gli adolescenti di oggi e i loro genitori e insegnanti.

È anche un film in parte sconclusionato e chiassoso, come gli adolescenti d’oggi: sognatori e idealisti, ribelli e fragili, pieni di contraddizioni fra il desiderio d’essere riconosciuti come individui unici e la necessità di appartenere ad un gruppo, di omologarsi, di essere accettati.

La pellicola di Cotroneo affronta temi di cui si parla costantemente e che sono alla base di innumerevoli tragedie dei nostri tempi: bullismo e omofobia, troppo spesso interlacciati e interdipendenti, troppo spesso talmente radicati nel tessuto sociale e scolastico da essere poco identificabili e ancor meno estirpabili. In un’era in cui tutto è a portata di click, dalla musica alla moda all’arte, ecco che la cattiveria stessa diventa cliccabile e potenzialmente virale: ed è questo virus che mina i sorrisi, la gioia di vivere e l’amicizia dei nostri ragazzi, adulti prima del tempo ma così impreparati ad affrontare questo mondo e così pieni di timori, dubbi, fragilità.

Una nota di merito va a Susy Laude per l’interpretazione di Stefania, madre affidataria di Lorenzo, e a Simonetta Solder per l’interpretazione di Nina, madre di Blu: due cuori di mamme in angoscia, alle prese con adolescenti disadattati e problematici, che fanno del loro meglio per esserci e fare la cosa giusta, pur con tutta l’inadeguatezza dell’affrontare la sfida genitoriale in un mondo complicato e crudele.

Film come questo meriterebbero una diffusione capillare in tutti i complessi scolastici del nostro paese, a partire dalle scuole medie, coinvolgendo, se possibile, anche i genitori: perché se di bullismo e omofobia non si parla ai ragazzi con una storia di ragazzi, alimentando il confronto generazionale e all’interno delle famiglie, come pensiamo di poter affrontare questo problema?

[review]

[two_fifth]Un bacio - Locandina[/two_fifth]

[three_fifth_last] Un Bacio

Genere: Drammatici

Attori: Rimau Grillo Ritzberger, Valentina Romani, Leonardo Pazzagl, Simonetta Solder, Giorgio Marchesi, Susy Laude, Thomas Trabacchi, Laura Mazzi, Sergio Romano, Alessandro Sperduti

Durata: 101 minuti

Un film di: Ivan Cotroneo

Data di uscita: 31 Marzo 2016

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here