La teoria del tutto

0
43
Stephen Hawking e Jane Hawking in La teoria del tutto

Non ci dovrebbero essere limiti alla ricerca umana. Siamo tutti diversi. E per quanto la vita possa sembrare cattiva, c’è sempre qualcosa che si può fare e riuscirci. Finché c’è vita, c’è speranza.
(Stephen Hawking – Eddie Redmayne)

1962Stephen Hawking è uno studente di cosmologia che si distingue dalla massa dei suoi compagni per il proprio comportamento atipico e fuori dalle consuetudini. Però la sua vita è destinata a cambiare per sempre per via di due avvenimenti che lo condizioneranno per sempre.

Il primo, conoscere una sera la bella e sensibile Jane, studiosa di poesia e letteratura che resta affascinata da questo giovane così differente dalla massa dei ragazzi che fino ad allora avevano sempre provato a farle la corte. Lei così giovane, ma già pronta ad innamorarsi davvero di qualcuno a cui donare tutta se stessa, per tutta la vita.

Il secondo, scoprire poco dopo aver dichiarato a Jane il suo amore, a soli 21 anni, di avere una malattia degenerativa che, stando alle dichiarazioni di chi lo ha in cura, non gli lascerà più di 2 anni di vita.

Stephen è con il morale a terra, ma è Jane ad aiutarlo e a fargli una promessa: staranno insieme per tutta la vita che il buon Dio saprà concedergli ancora di vivere, e si ameranno per sempre, e lei gli starà sempre vicino, costi quel che costi.

Storia biografica della vita del più grande studioso dell’universo ancora in vita, raccontata prima tramite un libro e ora con un film tratto proprio da quello scritto dalla donna che è stata per larghi tratti della sua vita la compagna e la moglie di questo genio forse incompreso nei suoi sentimenti e nelle sue sensazioni persino da lei. Ed è proprio da qui che parte la mia analisi del film per dire un primo concetto: il protagonista del film sembra il nostro scienziato, ma ho il piacere di confutare questa tesi, affermando che questa storia ha due protagonisti di livello paritario. Soffrono entrambi, anche se ovviamente ciascuno a suo modo, e si amano, e anche qui ciascuno a suo modo, e stanno proprio a rappresentare quello che è il concetto di parità tra uomo e donna sempre più valido nella cultura occidentale dei nostri giorni. Anzi, se qualcuno di forte, maturo e saggio deve esserci in questa storia, non è il maschio con evidenti limiti fisici e comportamenti da scolaretto, ma la donna pronta a tutto per amore, anche a rinunciare a dei sentimenti di tipo diverso che fisiologicamente possono insorgere in situazioni di questo tipo. E che dire degli interpreti? Brava Felicity Jones in una parte non facile, semplicemente straordinario Eddie Redmayne, in particolare nella seconda parte della pellicola, quando i movimenti del protagonista saranno fortemente limitati dai suoi problemi di salute. Davvero amabili sia le luci che i colori del film, e splendida tutta la parte scientifica che oltre alle musiche costituisce il vero e proprio valore aggiunto di tutto questo. Non vi perdete la visione di questo film che vi  farà commuovere, esattamente come è successo a me.

[review]

[two_fifth]La teoria del tutto - Locandina[/two_fifth]

[three_fifth_last] La teoria del tutto

Genere: Biografici, DrammaticiStorici

Cast:  Eddie Redmayne, Felicity Jones, Charlie Cox, Emily Watson, Simon McBurney, David Thewlis, Harry Lloyd, Maxine Peake, Adam Godley, Charlotte Hope, Tom Prior, Enzo Cilenti, Joelle Koissi, George Hewer, Brian Woodward, Raffiella Chapman, Jill Buchanan, Frank Leboeuf, Georg Nikoloff, James Wiles

Un film di: James Marsh

Durata: 123 minuti

Data di uscita: 15 Gennaio 2015

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here