La Diseducazione di Cameron Post

0
468
Adam, Jane e Cameron Post in La diseducazione di Cameron Post

Non mi vedo come un`omosessuale. Davvero non mi vedo in alcuna maniera.
(Cameron Post – Chloë Grace Moretz)

Tutto ciò che sembra divertente alla vostra età è in realtà il nemico.
(Claim del God`s Promise)

Cameron Post sta per celebrare la festa di fine anno per la fine dell`anno scolastico quando il suo fidanzatino la trova a baciarsi e oltre con la sua compagna di classe Coley, di cui Cameron è innamorata.

Sua zia Ruth, fervente cristiana, pensa che l`omosessualità sia una malattia e decide di mandarla al God`s Promise, un centro di rieducazione e di recupero dall`omosessualità gestito da religiosi. Cosa succederà a Cameron?

previous arrow
next arrow
PlayPause
Slider

 

Dramma romantico con una buona trama che, però, deve gran parte della sua energia alla forza interpretativa di una star emergente come Chloë Grace Moretz, che oltre ad essere bellissima ha una mimica facciale che si presta potenzialmente ad ogni genere di storia. La pellicola, vincitrice del Gran Premio della Giuria al Sundance Festival 2018 e basata sul bestseller omonimo di Emily Danforth, apre la finestra sul quell`America religiosamente puritana tenuta orgogliosamente sul piedistallo dal governo statunitense e nella quale i diritti umani sono un prezioso optional se non ci si omologa alla massa. Questo avviene grazie alla regia di Desiree Akhavan, americana figlia di iraniani fuggiti dalla rivoluzione del 1979 che mischia sofferenza e ironia in modo attento e paradossalmente anche troppo misurato da quello che ci si sarebbe aspettati di vedere. I nudi e i discorsi sul sesso ci sono ma sono anche in questo caso misurati e non danno fastidio, confrontandosi con l`omosessualità che è – o meglio dovrebbe essere – il vero centro della storia. Peccato che senza un`attrice dalla forza interpretativa della Moretz il tutto non abbia la forza di stare in piedi. Anche la relazione tra l`uomo e Dio viene solo intravista e non analizzata, mentre viene al contrario ben sviscerato il tema dell`integralismo religioso che rifiuta il diverso perchè pieno degli stessi diversi. Immagini buone e ben girate, in particolare per quello che riguarda le inquadrature dei visi da vicino, che permettono di enfatizzare proprio la mimica facciale della protagonista e degli altri attori, una su tutti Sasha Lane di cui sentiremo presto parlare molto. Una musica piacevole, una fotografia degli ambienti naturali oggettivamente bella e qualche buona risata completano il quadro di un lavoro nel complesso buono. Forse qualcosa di meglio sarebbe stato fattibile, ma per ora accontentiamoci di quello che abbiamo visto in attesa di evoluzioni migliori.

La Diseducazione di Cameron Post

Genere: Drammatici, Romantici

Interpreti: Chloë Grace Moretz, John Gallagher Jr., Sasha Lane, Forrest Goodluck, Jennifer Ehle, Marin Ireland, Owen Campbell, Quinn Shephard, Emily Skeggs, Dalton Harrod, Christopher Dylan White, Isaac Jin Solstein

Un film di: Desiree Akhavan

Durata: 91 minuti

Data di uscita: 31 ottobre 2018

REVIEW OVERVIEW
Buono
Previous articleRobin Hood – L’Origine della Leggenda, promo video e date
Next articleOld Man and the Gun, promo video e date
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here