L’uomo dal cuore di ferro

0
660
Reinhard Heydrich e Lina Heydrich in L`uomo dal cuore di ferro

Hai ragione. Tu fai il tuo lavoro e io faro` il mio.
(Reinhard Heydrich – Jason Clarke)

Prima nella Marina Militare Tedesca da cui viene espulso fino ad arrivare al tavolo di Heinrich Himmler, gerarca nazista che lo nomina Direttore dell`Intelligence delle SS diventando il suo braccio destro nonchè il vero e proprio ideologo della Soluzione Finale e dei campi di sterminio nazisti.

Lui è Reinhard Heydrich, durante la Seconda Guerra Mondiale Protettore di Boemia e Moravia, e a tentare l`impresa impossibile di ucciderlo saranno il ceco Jan Kubis e lo slovacco Jozef Gabcik che, dopo essersi preparati per l`operazione a Londra, proveranno a farcela.

previous arrow
next arrow
PlayPause
Slider

 

Biografia storica di una delle figure più terrificanti della Seconda Guerra Mondiale e thriller dalla doppia faccia pieno di luci ed ombre. Partendo dalle prime, certamente un primo punto va dato alla ricostruzione storica accurata che è in azione per tutta la prima parte del film, quella per intenderci che ricostruisce la vita di Heydrich – nella parte molto bravo Jason Clarke, e non era facile – dal periodo della Marina Militare fino alla sua ascesa a Protettore di Moravia e Boemia. Sia la sua figura che quella di Himmler sono perfettamente ricostruite a partire dai costumi perfetti fino ad arrivare ai rapporti interni all`organizzazione ben delineati, e la regia di Cédric Jimenez è brava in questo senso nel non cadere nella tentazione di far vedere altri gerarchi se non quello strettamente legato alla vita del co-protagonista, appunto il citato Himmler. A partire dalla metà circa della pellicola inizia una storia diversa, dove protagonisti sono invece dell`Uomo dal Cuore di Ferro – cosi Hitler decise di chiamare HeydrichJan Kubis e Jozef Gabcik, i due ragazzi che sono riusciti a ferirlo a morte, in una ricostruzione meno storica e maggiormente interattiva con molte scene d`azione e di combattimenti tra la resistenza Cecoslovacca e le SS tedesche. E qui emerge la criticità della storia, che si presenta come una coppia di minifilm sicuramente legati tra loro ma che dialogano con fatica, lasciando entrambi i tipi di spettatori – sia quello che ama i film di genere della prima parte, sia quello che ama l`interazione della seconda parte – non completamente soddisfatti. Neppure la storia d`amore costruita tra Jack O`Connell e Mia Wasikowska, usata come paragone con quella tra Heydrich e la moglie Lina, riesce a riempire il cuore in questo senso. Sembra quasi che per provare a coprire tutto, non si copra nulla davvero perfettamente. Ma allo stesso tempo il risultato non scontenta completamente nessuno, quindi potremmo dire che – almeno in parte – il risultato viene raggiunto. Alcuni momenti della trama sembrano girati con la camera a mano e l`effetto risulta piuttosto piacevole, dando una sensazione di movimento e di essere dentro il corpo del protagonista gerarca tedesco. Si sarebbe potuto fare meglio, ma il risultato resta comunque interessante. Buono.

L’uomo dal cuore di ferro

Genere: Azione, Biografici, Storici, Thriller

Interpreti: Jason Clarke, Rosamund Pike, Mia Wasikowska, Jack O’Connell (II), Jack Reynor, Thomas M. Wright, Enzo Cilenti, Geoff Bell, Noah Jupe, Barry Atsma, Volker Bruch, Adam Nagaitis

Un film di: Cédric Jimenez

Durata: 119 minuti

Data di uscita: 24 gennaio 2019

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here