Home / Biografici / The Grandmaster

The Grandmaster

Liberati da quello che sai e saprai molto di più.
(Ip Man – Tony Leung)

Il ritorno al cinema di Wong Kar-Wai è sempre un evento. Salutato come uno dei numi tutelari della settima arte all’indomani de In The Mood For Love considerato dagli esperti come una delle opere più belle mai apparse sugli schermi, Wong si è trovato da quel momento in poi a fare i conti con una fama che ne ha in parte condizionato l’ispirazione, imbrigliandolo in una serie di scelte lavorative a dir poco complicate tanto sul piano estetico (2046 seguito irrisolto di In the mood) che su quello produttivo, che lo hanno visto approdare addirittura in America con la direzione di Un bacio romantico passato alla storia più per l’esordio d’attrice della cantante Norah Jones che per la riuscita artistica. Si capisce quindi l’attesa per un film come questo sul quale pesavano le aspettative dei molti cinefili, ansiosi di verificare le condizioni di “salute” del regista. Progetto a lungo pensato, la pellicola giunge sugli schermi dopo quasi due anni di riprese e tre anni complessivi di lavorazione tormentata da dubbi e continui cambi di direzione conclusi con una sensibile riduzione del minutaggio originale (130′ invece che le 4 ore del primo montaggio). Biografia romanzata di Ip Man (il bravissimo Toni Leung), noto maestro di arti marziali diventato famoso anche in occidente per essere stato il maestro di Bruce Lee. Nel raccontare i passaggi salienti della sua esistenza Wong ci porta nella Cina degli anni 30 quando Ip viene scelto per succedere a Gong Yutian, il venerabile maestro che aveva unito le scuole di nord e sud della Cina. Una successione contrastata da Gong Er (la Zhang Ziyi di Memorie di una Geisha), la figlia di Yutian che però dopo un mirabile duello finisce per innamorarsi di Yip dando il via ad uno di quegli amori impossibili (Ip è felicemente sposato e padre di tre figli) che costituiscono uno dei temi forti di tutto il cinema del regista di Hong Kong. Una consapevolezza che porterà i due protagonisti ad attraversare separatamente la storia del proprio paese nel frattempo impegnato a confrontarsi con gli eventi della Storia: dall’invasione del nemico giapponese destinato a conquistare la parte nord della Cina, alla seconda guerra mondiale, fino alla grande rivoluzione maoista che avrebbe cambiato per sempre il volto della nazione. A scanso di equivoci va detto fin da subito che questo non è un film di kung-fu perchè Wong Kar-Wai pur mettendo in scena le vite di coloro che ne furono grandi interpreti, e quindi contaminando il suo cinema con inserti dedicati all’esibizione di quella tecnica attraverso spettacolari combattimenti mantiene intatto il suo interesse per le cose dell’animo umano. Ed è proprio l’aspetto emotivo a farla da padrone, da una parte riversandosi sulla relazione mancata tra Ip e Gong Er e su un desiderio che si trasforma in ammirazione e rimpianto, dall’altro incarnandosi nella nostalgia malinconica del regista per un epoca di uomini e di valori leggendari, e per questo irripetibili. Quello che ne viene fuori è un film di atmosfere rarefatte e sospese, in cui la maestria del regista emerge come al solito nella capacità di attribuire al divenire del tempo i significati di un intimità altrimenti inesprimibile. Da qui il procedere per elissi e l’ampio uso di rallenti che uniti ad una fotografia dominata dal buio e dall’oscurità riescono a rendere visibili i recessi più nascosti dell’animo umano. Una maestria che però non salva Wong Kar Wai dall’empasse artistico delle ultime opere che qui emerge dalla difficoltà di armonizzare la forma del suo cinema con i contenuti della storia di Ip Man, frammentata in una serie di momenti che faticano a stare insieme. Lacunoso in molti passaggi (forse per effetto del montaggio che ha tagliato scene di raccordo) fin troppo estetizzante nel modo di mettere in relazione i personaggi all’ambiente, a fronte dei suoi molti sforzi non riesce però a raggiungere il pathos necessario a spezzare il cuore. E’ inevitabile restare delusi così come continuare a rimpiangere il regista che fu.

Liberati da quello che sai e saprai molto di più. (Ip Man – Tony Leung) Il ritorno al cinema di Wong Kar-Wai è sempre un evento. Salutato come uno dei numi tutelari della settima arte all’indomani de In The Mood For Love considerato dagli esperti come una delle opere più belle mai apparse sugli schermi, Wong si è trovato …

Review Overview

AMAZING STARS

Mediocre

Summary : La vita di Yip Man, passato alla storia per essere stato il maestro di Kung Fu di Bruce Lee è anche il ritratto di un paese, la Cina, destinato a cambiare il corso della sua Storia.

User Rating: 1.5 ( 1 votes)
50
the-grandmaster-wong-kar-wai-biografico-locandina
The Grandmaster

Genere: Biografici

Cast: Tony Leung, Ziyi Zhang, Chen Chang, Qingxiang Wang, Tielong Shang, Benshan Zhao, Song Hye-kyo Un film di: Wong Kar-wai Durata: 123 minuti Data di uscita: 19 Settembre 2013 (Italia)

About Carlo Cerofolini

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close