Un sogno chiamato Florida

0
514
Halley e Moonee in Un sogno chiamato Florida

Moonee: Lo sai perché questo è il mio albero preferito?
Jancey: perché?
Moonee: Perché si è rovesciato, e sta ancora crescendo.
(Moonee e Jancey – Brooklynn Prince e Valeria Cotto)

Moonee: Lo so sempre quando gli adulti stanno per piangere.
(Moonee – Brooklynn Prince)

Il Walt Disney World Resort ad Orlando, Florida, è luogo bellissimo per i tanti bambini che lo visitano grazie ai loro genitori. Ma intorno a quel piccolo paradiso vi sono tante zone degradate dove il benessere è solo un sogno lontano. Lo sanno bene i piccoli Moonee e Scooty, compagni di giochi da anni grazie all`amicizia tra le loro mamme Halley e Ashley, che vivono in 2 piccole stanze nel Magic Castel Hotel.

Lì lavora come guardiano Bobby, uomo burbero che segue però con molta attenzione l`evolversi della vita e la disponibilità economica degli abitanti dell`hotel. E così mentre Moonee e Scooty fanno amicizia con la coetanea Jancey, la vita di Halley, Ashley, Bobby e tutti gli altri scorre giorno dopo giorno, andando verso una direzione che rischia di superare il confine del non ritorno.

Dramma di Sean Baker forte e leggeero allo stesso tempo, pieno di spunti positivi e di momenti morti che lo rendono un prodotto interessante soprattutto perché diverso da quasi tutti gli altri visti e vissuti finora. A favore di questo prodotto c`è in primis la fotografia che fa degli ambienti degradati di una zona degli Stati Uniti, fotografia che potrebbe tranquillamente essere allargata a tutti gli Stati Uniti, al Canada e a tante altre zone del mondo. Ovunque c`è ricchezza la povertà dilaga e l`America fa scuola in questo senso, come questo quasi-documentario racconta in maniera perfetta anche grazie all`aiuto di attori molto bravi. Ed è proprio questo il secondo punto a favore di questa lavorazione, la presenza di un cast forse non (ancora) molto noto ma che da il meglio di sé in una maniera spettacolare che resta dentro. La giovanissima Brooklynn Prince alias Moonee su tutti, ma non solo lei: folle e senza regole Bria Vinaite alias Halley, dura e rude Mela Murder alias Ashley e il sicuramente molto piu noto Willem Dafoe alias Bobby, tutti sono bravissimi nella loro parte. Quello che al contrario funziona meno è la paradossale normalità di una vita, quella di tutti i protagonisti, che di normale non ha nulla purtroppo. La costrizione che questi vivono nel dover a tutti i costi rappresentare una vita felice proprio perché vivono vicino al sogno e alla magia disneyana, sicuramente uno degli scopi in origine del regista, stona un po` con gli stessi protagonisti e la loro vita quotidiana, che sembra decisamente azzardato possa essere quella rappresentata dagli autori di questa pellicola. Come punto a loro favore va detto come questi abbiano effettuato personali visite e ricerche sulla zona, quindi per questo prodotto si sono basati sulla realtà che hanno visto e con la quale hanno interagito, ma questo non basta a renderla qualcosa di verosimile, in particolare per i bambini. Non credo esistano bambine che vissute come Moonee si comportino come lei. Ma forse sbaglio. Buono.

[review]

[two_fifth][/two_fifth]

[three_fifth_last] Un sogno chiamato Florida

Genere: Drammatici

Interpreti: Willem Dafoe, Brooklynn Prince, Bria Vinaite, Valeria Cotto, Christopher Rivera, Caleb Landry Jones, Macon Blair, Karren Karagulian, Sandy Kane, Cecilia Quinan

Un film di: Sean Baker

Durata: 111 minuti

Data di uscita: 22 Marzo 2018

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here