Colpa delle stelle

0
52
Hazel Grace Lancaster in Colpa delle stelle

Cos’altro dire? E’ così bella. Non ti stanchi mai di guardarla. Non ti preoccupi se è più intelligente di te: lo sai che lo è. E’ divertente senza mai essere cattiva. Io la amo. Sono così fortunato ad amarla, Van Houten. Non puoi scegliere di essere ferito in questo mondo, vecchio mio, ma hai qualche possibilità di scegliere da chi farti ferire. A me piacciono le mie scelte. Spero che a lei piacciano le sue.
(Augustus Waters – Ansel Elgort)

La giovane Hazel Grace ha 17 anni e tutta la vita davanti. Questo almeno se si ha la forza di assegnare la parola futuro ad una ragazza che ha diversi tumori distribuiti tra la tiroide e i polmoni. Convinta a forza dalla madre a partecipare ad un gruppo di sostegno utile a risollevare  il morale di persone con il suo stesso problema, Hazel incontra proprio durante una di queste serate Augustus Waters, un 18enne che la sua battaglia con il terribile male sembra averla vinta pagando la guarigione con una gamba artificiale.

Augustus è allegro, spigliato, pieno di forza, energia e voglia di vivere, tutte qualità che Hazel ha la sensazione di aver perso. Il loro è vero e proprio colpo di fulmine, generato da un modo estremamente simile di vedere e analizzare l’esistenza, ciò che vedono e quello che gli capita. E’ questo l’amore che tutti noi cerchiamo nella vita?

Basato sull’omonimo bestseller dello scrittore John Green, questo film drammatico è pieno di ottime intuizioni, momenti divertenti e attimi da ricordare anche se, alla lunga, si rivela un po’ sottotono rispetto alle enormi potenzialità che avrebbe potuto avere. La trama ha dei momenti di comicità pura quasi indimenticabili, generati in parte da uno script brillante e in parte dalla bravura dei due protagonisti scelti in maniera perfetta per i propri ruoli, e delle fasi in cui il dramma diventa imprescindibile, grazie alla dolcezza della splendida Shailene Woodley nel ruolo di Hazel e al sorriso che non va mai via dal viso di Ansel Elgort alias Augustus. Cosa quindi non quadra del tutto? Prima di tutto una lunghezza eccessiva che ha al suo interno alcuni buchi e momenti morti che risulta oggettivamente quasi impossibile non notare. A questa si unisce una naturalità e freschezza della storia che, all’inizio vero e proprio elemento centrale, va a perdere forza via via che il percorso si sviluppa. Piacevole il viaggio ad Amsterdam, anche se risulta al suo interno troppo pronunciata la fase dedicata al product placement turistico inerente la capitale olandese. Buona comunque la fotografia ed estremamente attuale la scelta di inserire parti di contenuto relative a cosa si dicono i protagonisti con la formula del contenuto scritto direttamente nel film. Menzione a parte va fatta per il ruolo di Willem Dafoe che, come detto in altra sede, sta vivendo una seconda giovinezza artistica – si pensi al ruolo ricoperto in Il fuoco della vendetta (2014). Insomma, un film da vedere e sentire dentro di noi, coscienti che non è detto la vostra coscienza riesca a connettersi del tutto con quelli che sono i valori trasmessi dalla storia. Quali sono? Essenzialmente tutti quelli legati a l’amore per la vita. Vi pare forse poco?!?!???

[review]

[two_fifth]

Colpa delle stelle - Locandina[/two_fifth]

[three_fifth_last]Colpa delle stelle

Genere: Drammatici

Cast: Shailene Woodley, Ansel Elgort, Willem Dafoe, Nat Wolff, Laura Dern, Lotte Verbeek, Sam Trammell, Mike Birbiglia, Emily Peachey, Johanna McGinley, Amber Myers, Milica Govich, Allegra Carpenter, David Whalen

Un film di: Josh Boone

Durata: 125 minuti

Data di uscita: 4 Settembre 2014[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here