Stanlio e Ollio

0
744
Oliver Hardy e Stan Laurel in Stanlio e Ollio

Oliver Hardy: mi mancheremo quando ce ne saremo andati.
Stan Laurel: Mi mancherai anche tu.
(Stan Laurel e Oliver Hardy – Steve Coogan e John C. Reilly)

Oliver Hardy: [a Stan] Non rimpiango nulla. E non dovresti rimpiangere nulla nemmeno tu.
(Oliver Hardy – John C. Reilly)

1953. Dopo sedici lunghi anni dal periodo che li ha resi famosi ad Hollywood, Stan Laurel – detto Stanlio – e Oliver Hardy – detto Olliopartono per l`Inghilterra dove terranno degli spettacoli teatrali. I tempi stanno cambiando, e anche se la coppia è famosa in tutto il mondo e piena di fan, ormai la televisione sta prendendo il posto del teatro e i loro show sono meno richiesti, visto che la gente preferisce guardare i loro film del passato.

Ma anche se sono un pochettino arrugginiti, Stanlio e Ollio sanno ancora fare il loro mestiere, e lo dimostreranno al pubblico e a loro stessi in questo viaggio che li farà tornare ad essere dei veri amici e non solo, come era stato in precedenza, due affiatati colleghi di lavoro.

previous arrow
next arrow
PlayPause
Slider

 

Guardando questa commedia drammatica che rappresenta la parte finale della vita professionale di due mostri sacri come Stan Laurel e Oliver Hardy mi sono venute le lacrime agli occhi, e ormai non capita più così spesso guardando un film. I motivi sono tanti, e proverò a farveli percepire tutti, anche se ammetto sin da ora che potrebbe non essere la cosa più semplice del mondo. Prima cosa da raccontare è il lavoro pazzesco che hanno fatto truccatori e professionisti del settore per rendere Steve Coogan e John C. Reilly copia esatta di Stanlio e Ollio, in particolare nel caso del primo sarebbe davvero complicato distinguerlo dallo Stan Laurel originale. Questo lavoro fatto, però, non avrebbe avuto valore alcuno senza l`interpretazione perfetta dei due attori prima citati. Steve Coogan e John C. Reilly sono riusciti a ripetere alla perfezione le stesse mosse, gli stessi movimenti fisici, lo stesso tipo di battute e la stessa verve degli originali Stan e Oliver, dando la netta impressione che si stiano vedendo recitare proprio loro due. Ma aggiungendo a tutto questo qualcosa che in quei tempi non era previsto. Il regista Jon S. Baird, infatti, tramite i due moderni attori ci ha fatto scoprire tutto quello che succedeva al di fuori dei film che tutti noi conosciamo e abbiamo visto, un mondo dove Stan e Oliver non erano poi tanto amici, dove le rispettive mogli discutevano su quasi tutto e dove la visione della vita e della professione dei due erano diametralmente opposte, anche a causa degli oggettivi problemi fisici di uno dei due. Poter vedere il dietro le quinte di due star del genere permette allo spettatore di avvicinarsi ancora di più a loro, alla loro vita, ai loro sbagli e ai loro sogni, in parte realizzati. Anche perché, e questo va detto, la personalità di entrambi si era così tanto fusa con quella dei loro personaggi da non poter fare a meno di stare insieme per poter continuare entrambi a sognare ed essere in pieno felici. Un piccolo gioiello che lascia lezioni sulla vita grazie a chi ha volontariamente scelto di essere Stanlio & Ollio prima che Stan e Oliver. Da non perdere.

Stanlio e Ollio

Genere: Biografici, Commedia, Drammatici

Interpreti: Steve Coogan, John C. Reilly, Shirley Henderson, Nina Arianda, Rufus Jones, Danny Huston, Joseph Balderrama, John Henshaw, Tapiwa Mugweni, Keith MacPherson, Stewart Alexander, Kevin Millington, Toby Sedgwick, Rebecca Yeo, Stephanie Hyam, Kate Okello, Sanjeev Kohli, Richard Cant, Ashley Robinson, Greg Canestrari, Roger Ringrose, Ella Kenion, Susy Kane, Veronica Clifford, Elizabeth Bennett, Conrad Asquith, Owen Findlay, Danny Scheinmann, Bentley Kalu, Tom Bates, Ella Baird, Josh Connor, Josh Alexander, Matt Dunkley, Simon Ager, Henrihs Ahmadejevs, James Francis Andrews, Lucy Appleton, Paul Bailey, Martin Bratanov, Pamela Betsy Cooper, Sinéad Daly, Laraine Dix, Julie Eagleton, Daniel Fearn, Callum Forman, David Gambier, Caroline Garnell, Eve Harding, Michael Haydon, Steve Healey, Harry Hepple, Alex Jaep, Karl Jenkins, Gary Kiely, Elise Lamb, Swaylee Loughnane, Grace McKenzie, Alex McLeish, Andy Mihalache, Paul A Munday, Niall D O’Loughlin, Geoffrey Osborne, Ross Owen, Nick Owenford, Matteo Paciletti, Richard Price, Steve Price, Lewis Reynolds, Paul Riddell, Charlie Robinson, James Thomas Scott, Sindri Swan, Charles Walters, Sophie Wardlow

Un film di: Jon S. Baird

Durata: 98 minuti

Data di uscita: 1 maggio 2019

REVIEW OVERVIEW
Da Non Perdere
Previous articleAfter
Next articleAttacco a Mumbai – Una vera storia di coraggio
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here