Skiptrace – Missione Hong Kong

0
579
Bennie Chan e Connor Watts in Skiptrace - Missione Hong Kong

Senza qualcuno per cui morire non c’è ragione di vivere.
(Bennie Chan – Jackie Chan)

Eccoci di fronte al nuovo film con Jackie Chan, ormai sessantenne e un po’ sbiadito e cliché.

Narra le (dis)avventure di Bennie Chan (Jackie Chan), detective della polizia di Hong Kong da anni sulle tracce del misterioso e inafferrabile El Matador, boss del crimine organizzato responsabile della scomparsa del suo partner. Quando Samantha (Bingbing Fang), figlia del collega scomparso e protetta di Chan, si mette nei guai con Victor Wong (Wenxuan ‘Winston’ Chao), sospettato di essere proprio El Matador, Bennie parte alla ricerca dell’uomo che ha messo a rischio la sua vita: Connor Watts (Johnny Knoxville), giocatore d’azzardo e bugiardo seriale americano, già ricercato dalla mafia russa.

Fra il gelo siberiano e il deserto del Gobi, attraverso gli altipiani della Mongolia e i fiumi dello Yangste, i villaggi contadini e le montagne dello Huangshuan, questa pellicola srotola in 107 minuti tutte le meraviglie e le tradizioni della Grande Cina, che fanno da sfondo alle rocambolesche avventure di Bennie e Connor sulla strada del ritorno a Hong Kong.

Film fracassone e come sempre a servizio di Jackie Chan, che a sessant’anni compiuti è ancora in ottima forma fisica e insiste nel voler girare personalmente quasi tutte le scene che altri attori lascerebbero volentieri agli stuntmen. Tuttavia, a parte una fotografia straordinaria in location davvero epiche e una colonna sonora carica d’energia, Skiptrace sembra più un lungometraggio pubblicitario per promuovere il turismo in Cina che non un classico action movie alla Chan. Le gag sanno di stantio e di già visto, l’epilogo è prevedibile e un po’ fiacco. Dal regista finlandese Renny Harlin, quello di 58 minuti per morire – Die Hard 2 (1990) e Cliffhanger – l’ultima sfida (1993) ci saremmo aspettati un ritmo più incalzate e un’immersione più completa negli eventi sullo schermo.

La pellicola è intrisa di luoghi comuni, dalla classica corsa contro il tempo alla conversione in extremis del cattivo di turno, e risulta fin troppo carica di spunti documentaristici sulla Cina per poter riuscire davvero a divertire. La stramba coppia Chan-Knoxville è complementare, tanto inespressivo Chan quanto pittoresco e icastico Knoxville. Decisamente azzeccata è la scelta dell’ex star WWE Eve Torres nel ruolo di Dasha, temibile Valchiria affiliata alla mafia russa sulle tracce dei fuggiaschi, ma da sola non basta a sollevare le sorti del film. In conclusione, questo film vuole essere troppe cose insieme e non convince pienamente, né per divertimento, né per spirito d’avventura.

[review]


[two_fifth]

[/two_fifth]

[three_fifth_last] Skiptrace – Missione Hong Kong

Genere: Azione, Polizieschi, Commedia

Attori: Jackie Chan, Johnny Knoxville, BingBing Fan, Eric Tsang, Michael Wong, Eve Torres, Wenxuan ‘Winston’ Chao, Shi Shi, Yeon Jung-hoon, Joel Adrian, Pierre Bourdaud

Durata: 107 minuti

Un film di: Renny Harlin

Data di uscita: 28 luglio 2016

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here