Sherlock Gnomes

0
55
Sherlock Gnomes, Watson, Gnomeo e Giulietta in Sherlock Gnomes

Sherlock Gnomes: Sotto il mio sguardo, nessuno gnomo si romperà.
Watson: Beh, eccetto per quello.
Minignome: Chi si è rotto?
Minignome: [urlando] ODDIOOOOOOOOOOO!
(Sherlock Gnomes, Watson e Minignome – Johnny Depp e Chiwetel Ejiofor)

Esce il 12 aprile nei cinema italiani questo nuovo film d’animazione inglese, confezionato dalla casa di produzione di Elton John alias la Rocket Pictures.

Il cartone si inserisce in un micro-universo creato con il lungometraggio Gnomeo & Giulietta (2011), i cui protagonisti – con annessi e connessi – tornano nella presente pellicola.

Nella Londra dei giorni nostri, qualcuno fa sparire i nani ornamentali che popolano i giardini delle abitazioni private. Quando la stessa sorte capiterà al piccolo villaggio dei nanetti di terracotta Gnomeo e Giulietta, i due – coadiuvati dagli investigatori in miniatura Sherlock Gnomes e Watson – cercheranno di risolvere il mistero e riportare a casa i dispersi.

Diretto da John Stevenson, già regista di Kung Fu Panda (2008), questo lavoro vanta nella sua versione originale un cast di grandi stelle del cinema. Attori del calibro di Emily Blunt, James McAvoy e Jhonny Depp prestano la loro voce rispettivamente a Giulietta, Gnomeo e Sherlock Gnomes. In Italia, con grande sprezzo del ridicolo, la direzione del doppiaggio ha deciso di affibbiare ad ogni nano un dialetto nostrano differente. Ecco allora che Giulietta parla con raffazzonato accento siculo, Romeo si trasforma in un affettato sciur milanese e ad Holmes viene dato un prosaico accento inglese ormai surclassato.

La storia probabilmente trae spunto da fatti di cronaca reale avvenuti in Francia e poi diffusisi in tutto il mondo. Da anni infatti esiste un Comitato per la liberazione dei Nani da giardino nel quale militano persone che combattono per l’emancipazione degli ornamenti di terracotta, producendosi in imprese spesso spregiudicate e rischiose nel tentativo di rubarli dai giardini e regalare loro la libertà.
La tematica, per quanto assurda e inverosimile, si presterebbe alle declinazioni più fantasiose, cosa che però in Sherlock Gnomes (come pure nel precedente Gnomeo & Giulietta) non accade.

Il tentativo di animare le statuine in terracotta, sulla falsariga dei giocattoli di Toy Story, si rivela tedioso se non anche antipatico, e quel che è peggio non cattura l’attenzione dello spettatore bambino, mai coinvolto o divertito davvero.

La CGI ottima, opera della londinese Mikros Image, non basta a rendere godibile questa pellicola, un cartone che se nel primo lungometraggio prendeva in prestito la storia d’amore più famosa di tutti i tempi, questa volta si inoltra – senza poterselo permettere – nei gialli di Sir Arthur Conan Doyle, facendo del detective Sherlock Holmes una macchietta che ai piccini rimane sconosciuta e ai più grandi fa storcere il naso.

[review]

[two_fifth][/two_fifth]

[three_fifth_last] Sherlock Gnomes

Genere: Animazione, Avventura, Commedia

Voci: Johnny Depp, Emily Blunt, James McAvoy, Maggie Smith, Michael Caine, Chiwetel Ejiofor, Stephen Merchant, Mary J. Blige

Un film di: John Stevenson

Durata: 86 minuti

Data di uscita: 12 aprile 2018

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here