Storie pazzesche

0
40
Ariel e Romina in Storie pazzesche

Per rispetto delle vicende e dei personaggi si prega di ridere con moderazione.
(Incipit)

Una girandola di eventi che ruotano tutti intorno a personaggi che perdono il controllo, tirando fuori la parte più selvaggia dell’uomo: un matrimonio che prende una piega inaspettata, una lite stradale dai tragici risvolti, il buon padre di famiglia vessato dalla burocrazia che sceglie un atto di ribellione, un misterioso incidente stradale e la cameriera di una tavola calda che si trova a dover fronteggiare un cliente inaspettato; situazioni realistiche che si ribaltano manifestando dei risvolti tragicomici, dove il confine tra accettazione e ribellione è davvero labile.

Il nuovo lavoro di Damian Szifron è un’antologia di racconti visivi: una serie di short stories autoconclusive tutte incentrate sulla stessa tematica di fondo, ovvero la capacità dell’essere umano di reagire alle situazioni di stress, il labile confine che esiste tra intelletto ed istinto animale e cosa accade quando la nostra società, ormai sempre più “giungla” ci imbroglia o ci sovrasta non lasciandoci quasi scampo. Per ottenere questo effetto di tensione noir, che non scende mai verso l’horror nudo e crudo, Szifron si serve di una fotografia un pò retrò che predilige i colori accesi e di una sceneggiatura semplice ma forte, dove il comico ed il tragico si mescolano dando vita a quello che potremmo definire “grottesco” in maniera straniante, lasciandoci affascinati ma allo stesso tempo disturbati dalle vicende dei protagonisti. Un cinema, quello spagnolo, che ha fatto del filone “nero” una fucina di successi e che sa ben interpretare, con stile personale, l’orrore che si nasconde nella quotidianità e che esplode quando, per qualunque motivo, gli ingranaggi che ci tengono al sicuro si inceppano; quando la perdita del contatto con sé stessi può portare alla regressione, fino alla pura istintualità.

Un lungometraggio interessante, straniante e disturbante insieme, che offre spunti di riflessione e strappa anche più di qualche risata, insieme ad una sensazione di “colpevolezza involontaria” che ci rende coinvolti. Per chi ama le storie brevi, dark e ciniche, per gli estimatori del cinema iberico. Consigliato.

[review]

[two_fifth]

storie-pazzesche-locandina[/two_fifth]

[three_fifth_last] Storie pazzesche

Genere: Noir, Commedia

Cast: Ricardo Darín, Oscar Martínez, Leonardo Sbaraglia, Erica Rivas, Rita Cortese, Julieta Zylberberg, Darío Grandinetti, Nancy Dupláa, María Onetto, Osmar Núñez

Un film di: Damìan Szifron

Durata: 122 minuti

Data di uscita: 11 Dicembre 2014

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here