Quando Napoli ci conforta

0
528
Toni Servillo

Un leggio, una sedia di legno, un fondale azzurro. E un corpo a corpo feroce con la lingua napoletana. Non serve altro a Toni Servillo in questo suo  dialogo cartaceo con la morte e i fantasmi per inchiodare alle poltrone una platea gremita ed eterogenea nel teatro Vascello.
Tre poemetti sul Paradiso (di Giacomo, De Filippo e Russo) per introdurci allo strano commercio tutto partenopeo “tra aldiquà e aldilà”. Poi un Purgatorio d’allucinazioni e apparizioni, dove la morte inutile di un muratore di una poesia di Viviani fa da contraltare al napoletano arcaico e cattivo di Mimmo Borrelli, con la sua variazione sulla bestemmia.
Napoli possiamo guardarla dal mare, attraverso gli sguardi di alcuni ragazzi nudi sugli scogli di Mergellina: è il dolente e barocco Enzo Moscato di Rasoi. Oppure setacciarla attraverso la fisicissima apocalisse di Giuseppe Montesano. Eppure la morte livella tutti: Totò non può mancare, così come una canzoncina sussurrata a portarci conforto. Tre poesie infine percorse da un fremito d’agitazione a mo’ di commiato, e sfottò. È proprio vero che a Napoli il talento non manca.

SHARE
Previous articleMiss Violence
Next articleUn castello in Italia
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

LEAVE A REPLY