Non sposate le mie figlie 2

0
580
Charles Koffi, André Koffi, Madeleine Koffi, Claude Verneuil e Marie Verneuil in Non sposate le mie figlie 2

In India? Il Paese dove la gente si inchina davanti alle vacche?
(Pascal N’zonzi – André Koffi)

Se le nostre figlie vogliono abbandonare la Francia, noi glielo impediremo!
(Chantal Lauby – Marie Verneuil)

La coppia composta da Claude Verneuil e sua moglie Marie, alla soglia della pensione, ha ormai accettato che le tutte le loro quattro bellissime figlie abbiano deciso di sposarsi con uomini dalla provenienza diversa da quella francese. Musulmani, ebrei, cinesi e ivoriani, queste le nazionalità dei quattro ragazzi che hanno rubato il cuore ad Isabelle, Laure, SegoleneOdile.

Ma la loro sorpresa diventa grande quando si accorgono che le loro ragazze vogliono tutte andare a vivere nei paesi d`origine dei mariti insieme con loro, ad eccezione di una che vuole andare invece in India. Claude e Marie non possono accettare questo, e cosi cercano di capire quale sia la strada migliore per risolvere l`annosa situazione.

previous arrow
next arrow
PlayPause
Slider

 

Solo pochi anni dopo il grandissimo successo ottenuto da Non sposate le mie figlie! (2015), il cinema francese ritenta la fortuna con il seguito della nota commedia, questa volta infarcito pero di alcuni elementi che la rendono diversa e meno leggera della scorsa puntata. Se la scorsa volta a farla da padrone nelle risate era infatti il problema della diversità culturale, tema ormai da anni molto in vista in Europa sia per la difficoltà di ambientamento degli immigrati che dello loro status non molto di rado di clandestini, questa volta non è che questa tematica sparisca, questo no, ma viene a livello d`importanza superata da toni che tendono in maniera diretta e neppure troppo velata a glorificare la nazione francese e i suoi governanti attuali. Questo non è necessariamente un male, ma allo stesso tempo fa in modo che la parte comica della pellicola scemi in modo non lieve, e quella drammatica salga, fino a raggiungere entrambe lo stesso livello di valore nella trama circa. Le battute sono al vetriolo, come in passato quindi, ma coinvolgono nomi noti del panorama politico, e ogni volta che si inizia a parlare di qualcosa, o la politica oppure un product placement di livello esasperato fanno violentemente capolino senza sembrar avere alcuna voglia di andarsene. Foto di Macron, citazioni continue del Presidente Francese e tanto altro ancora, questa volta non si scappa, e la sensazione che resta addosso è quella di aver visto un lavoro dagli alti spunti politici. Poi è anche vero che parecchi potrebbero non accorgersene, e semplicemente divertirsi alle battute dei protagonisti – che ci sono e sono effettivamente molto comiche. Bravi gli attori, anche se questa volta una menzione particolare va fatta per il franco-africano Pascal N’Zonzi, la cui mimica facciale è davvero di quelle che non si dimenticano. Se vedrete questo film con l`intento di farvi qualche risata con gli amici potrebbe essere la scelta giusta, ma non prestate troppa attenzione ai temi analizzati, ve lo farebbero diventare da simpatico ad antipatico. Sufficiente.

 Non sposate le mie figlie! 2

Genere: Commedia, Drammatici

Cast: Christian Clavier, Chantal Lauby, Ary Abittan, Medi Sadoun, Frédéric Chau, Noom Diawara, Frédérique Bel, Julia Piaton, Emilie Caen, Élodie Fontan, Pascal N’zonzi, Salimata Kamate, Tatiana Rojo, Claudia Tagbo, Jérémy Charvet, Nouritza Emmanuelian, Emmanuel Ménard, Clément Vieu

Un film di: Philippe de Chauveron

Durata: 99 minuti

Data di uscita: 7 Marzo 2019

REVIEW OVERVIEW
Sufficiente
Previous articleCaptain Marvel
Next articlePriscilla, La Regina del deserto – Il Musical
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here