Inside Out, la presentazione in Italia

0
493
Pete Docter regista di Inside Out

In occasione dell’uscita italiana, dal 16 settembre 2015, del nuovo film Pixar Inside Out (qui la recensione), Il regista del film Pete Docter ha incontrato la stampa lunedì 14 settembre, presso l’Hotel De Russie di Roma raccontando il lavoro che ne ha portato alla realizzazione.

Un film che ci mostra il centro di controllo della mente di Riley, una ragazzina di 11 anni, localizzato nel Quartier Generale, dove cinque Emozioni sono al lavoro, guidate dalla simpatica e ottimista Gioia (doppiata nella versione originale da Amy Poehler), la cui missione è di garantire la felicità di Riley. Le altre Emozioni comprendono Paura (doppiato nella versione originale da Bill Hader) che garantisce alla ragazza la sicurezza necessaria, Rabbia (doppiato nella versione originale da Lewis Black) che assicura il senso di equità e giustizia e Disgusto (doppiata nella versione originale da Mindy Kaling) che impedisce a Riley di avvelenarsi sia fisicamente che socialmente. Tristezza (doppiata nella versione originale da Phyllis Smith) non sa bene quale sia il suo ruolo come del resto non è chiaro neanche agli altri.

Pete Docter rivela che Inside Out nasce da un’idea personale dello stesso Pete Docter, mentre osservava sua figlia crescere.
Questo film assume la sfida del raccontare l’astrattezza della mente e i suoi processi, mostrati attraverso la metafora di una fabbrica al lavoro. Dopo aver rappresentato le emozioni di giocattoli, insetti, macchine la domanda che ha dato via all’idea del film è stata: «e se le emozioni provassero emozioni? »

È stata notata l’ispirazione dell’idea del film al corto DisneyReason and Emotion, del 1943, che esplorava i meccanismi della mente. Per Docter questo rimando all’animazione classica Disney rappresenta un patrimonio sempre presente, in modo più o meno cosciente, nella mente di chi fa animazione.
Notevole il substrato psicologico del film. Docter racconta:

Ci siamo divertiti a leggere Jung e Freud nonostante la complessità dei testi ma abbiamo cercato di portare più divertimento che precisione scientifica nel film.

Le emozioni protagoniste sono una sintesi delle tante emozioni pensate per il film. Per esempio varie caratteristiche dell’Emozione Speranza sono finite nel personaggio finale di Gioia.

È un film su cui Pete Docter ha voluto dedicarsi perché credeva fortemente nel progetto e piacerà agli adulti che si divertiranno a cogliere gli aspetti di crescita che ognuno ha attraversato ma anche i bambini lo comprenderanno perché prima ancora di imparare a parlare imparano a riconoscere le emozioni e capire da quelle le situazioni della vita.

La presentazione è continuata, per la anteprima italiana del film con volti noti e numerosi ospiti sul red carpet dell’Auditorium Conciliazione a Roma, che per l’occasione ha ospitato una ricostruzione dei colorati centri di trasmissione della mente di Riley in una serata ricca di luci, colori e grandi Emozioni. Tra di loro presenti, oltre al regista Pete Docter, Malika Ayane e Giovanni Caccamo che hanno prestato le loro voci a Uku e Lele, i vulcani protagonisti del cortometraggio Lava, che al cinema precede la visione di Inside Out. Presenti inoltre anche la giornalista e conduttrice televisiva Ilaria D’Amico, che ha presentato la serata, chiamando sul palco i talent e i cinque coach del Web Talent Show “EmozioniCercasi”: l’attrice e cantante Lodovica ComelloFrank Matano, la youtuber Tess Masazza, il vlogger Dexter e l’attrice e conduttrice Diana del Bufalo.

Giochi di luce e installazioni interattive hanno accolto Giancarlo Magalli, NoemiFausto Brizzi, Sebastiano Somma, Ascanio Pacelli, Anna Safroncik, Paolo Ruffini, Irene Ferri, Lucrezia Lante della Rovere e molti altri ospiti del mondo dello spettacolo.

Previous articlePer amor vostro
Next articleWe Are Your Friends
Andrea è laureato in Teorie e tecniche del linguaggio cinematografico. Segue e scrive di cinema e teatro, dopo aver coltivato e amato quest'ultimo personalmente, studiando teatro e canto e partecipando a spettacoli e Festival, in Italia e non solo. Ha scritto per varie testate tra cui Best Movie e Saltinaria, Cinespresso e Amazing Cinema. Nel suo percorso si occupa anche della promozione e organizzazione di eventi culturali, teatrali, musicali e turistici. Tra questi ci sono stati Musicultura, MArtelive, e il Levante International Film Fest.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here