Posh

0
36
Alistair Ryle, Harry Villiers, Miles Richards e Toby Maitland in Posh

Non sanno quando fermarsi.
(A proposito di quelli del Riot Club)

Oxford è la più antica e prestigiosa Università del Regno Unito, e le famiglie fanno a gara perché i propri figli riescano ad esservi ammessi. Come ogni università che si rispetti, anche Oxford ha i suoi club studenteschi, il più antico e noto dei quali è il Riot Club, il cui numero chiuso accoglie solo maschi in non più di dieci unità ogni anno, dieci persone che hanno nel destino quello di diventare delle fottute leggende.

Questa è la storia di alcuni studenti del Riot Club e in particolare di Miles e Alistair, entrambi provenienti da una famiglia aristocratica ma di carattere molto diverso, e della loro lotta che li porterà fino a delle conseguenze estreme inimmaginabili fino ad allora.

Dopo lo splendido successo di An EducationLone Scherfig dirige questo dramma che la vede andare fino in fondo a scavare dentro l’animo degli studenti universitari di oggi, in particolare quelli ammessi in un’istituto prestigioso e famoso come Oxford, dove per entrare servono tanti soldi e un background storico familiare di tutto rispetto.  La Scherfig non si fa certo pregare, e ci racconta proprio come si forma la classe dominante del futuro. Per farlo si affida ad uno studente ricco e dissoluto ma di buon cuore, ad un ragazzo cattivo dentro, ad una figura arrogante ed a una che è invece solo viziata. E mentre nel film citato precedentemente ad essere analizzata era la upper class femminile, qui il fuoco è centrato al 100% su quella maschile. Che poi lo sguardo di disprezzo con cui questi figli di papà miliardari guardano quella che da loro è chiamata borghesia che lotta per arrampicarsi a livello sociale e che di conseguenza si può comprare con i soldi sempre e comunque sia qualcosa di terrificante e allo stesso tempo affascinante lascia pochi dubbi sul fatto che siamo di fronte alla perfetta fotografia di un mondo che … sì, cambia, restando però alla fine sempre lo stesso. Idoli delle teenager a Roma proprio 3 giorni fa, i 3 protagonisti Max IronsSam Claflin e Douglas Booth hanno di fronte a loro un futuro cinematografico di sicuro successo. Bravi anche gli altri co-protagonisti maschili e Jessica Brown Findlay, la co-protagonista femminile. Capitolo a parte per la piccola parte interpretata da Natalie Dormer, mai vista in vita mia così a suo agio in un ruolo quale quello della prostituta d’alto bordo. Sottilmente ironico e spiazzante, dotato di una fotografia brillante che sfrutta le luci nella loro interezza, questa pellicola è decisamente posh, che in inglese vuol dire elegante, di lusso. Ebbene, signori: il regista ha fatto centro come non mai! Da non perdere!

[review]

[two_fifth]

Posh - Locandina[/two_fifth]

[three_fifth_last]Posh

GenereDrammatici

Cast: Max Irons, Sam Claflin, Douglas Booth, Holliday Grainger, Freddie Fox, Natalie Dormer, Jessica Brown Findlay, Ben Schnetzer, Amanda Fairbank-Hynes, Jack Farthing, Sam Reid, Olly Alexander, Matthew Beard, Joey Batey, Tony Way, Michael Jibson, Xavier Atkins, Amber Anderson

Un film di: Lone Scherfig

Durata: 106 minuti

Data di uscita: 18 Settembre 2014[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here