Parigi, 13Arr

0
423
Emilie Wong e Camille Germain in Parigi, 13Arr.

( – )

Il 13° distretto di Parigi sembra essere un luogo come tutti gli altri. Qui vive Emilie, giovane cinese alla ricerca di una persona al quale affittare una stanza del proprio appartamento. La trova in Camille, giovane ragazzo di origine africana con il quale sviluppa da subito una chimica particolare, che però si scontra con un modo di essere e di pensare diametralmente diverso dal suo.

Nello stesso distretto si trasferisce a vivere Nora, originaria di Bordeaux, che ha deciso di tornare nella Capitale Francese per terminare gli studi interrotti anni prima. Qui, dopo una situazione spiacevole, inizia a fare amicizia con Amber, dal passato a dir poco particolare. Ma cosa lega queste quattro figure?

previous arrow
next arrow
PlayPause
Slider

 

Dramma romantico con punte comiche da commedia che riesce ad entrare dentro l`anima di tutte quelle persone che sono aperte a comprendere quelli che sono i meccanismi legati al cambiamento dei rapporti sentimentali – e sessuali – tra uomini e donne. Merito del grande regista Jacques Audiard – per capirci quello del piccolo capolavoro Il Profeta (2009) – quello di riuscire dove tanti altri prima di lui hanno fallito, perché non è facile raccontare i sentimenti nella nostra epoca che sta diventando sempre più avara di questi, e sempre più legata ad un materialismo del quale gli esseri umani, con il forte contributo dell`Intelligenza Artificiale, stanno diventando ormai vittima. La pellicola è girata in bianco e nero, e questo le dona una forza che altrimenti non avrebbe potuto avere: l`assenza di colori aiuta a cercare di catturare i particolari dei protagonisti e delle loro interazioni, particolari che Audiard non ha paura di mostrare nella loro interezza. Nella storia sono pieamente mostrate scene di sesso anche forte, ma non disturbano assolutamente, risultando anzi necessarie a raccontare uno dei 2 aspetti principali del rapporto maschio/femmina, quello dell`immediatezza, del bisogno fisico e corporale di cui tanti di noi sono e/o sono stati vittima durante almeno un periodo della loro vita. L`altro è quello legato ai rapporti di forza tra le anime delle persone, che anche qui il regista non teme di mostrare anche in modo duro ma mai esagerato, legandolo a quello corporale in maniera (in parte) indissolubile, per far capire chi comanda. Ne viene fuori, quindi, un racconto unico nel quale chiunque potrebbe realmente riconoscersi. Qui viene rappresentata sia la superficialità dell`uomo medio e come questo vive in modo separato il sesso e i sentimenti, che il legame indissolubile che invece queste due cose hanno per la maggior parte delle donne. Allo stesso modo, si apre una finestra su stupro, omosessualità, droghe, dipendenza dai porno e tanto altro ancora. Tra gli attori, emergono per la loro bravura la coppia Noémie Merlant e Jehnny Beth, che difficilmente dimenticherete per quanto saranno capaci ad entrarvi dentro, con tutta la loro freddezza che maschera qualcosa di ben diverso. Belle le luci e l`uso degli spazi, che in un prodotto senza colori emergono in modo ancora maggiore. Da non perdere.

Parigi, 13Arr. - LocandinaParigi, 13Arr

Genere: Commedia, Drammatico, Romantici

Interpreti: Lucie Zhang, Makita Samba, Noémie Merlant, Jehnny Beth, Camille Léon-Fucien, Oceane Cairaty, Anaïde Rozam, Pol White, Rong-Ying Yang, Geneviève Doang, Xing Xing Cheng, Fabienne Galula, Lilian Nze Nong, Ornella Nzingoula, Tony Zola, Stéphanie Germonpré, Léo Mira, Léa Rostain, Agathe Mougin, Isadora Guzniczak, Raphaël Quenard, Teki Latex, Jules Benchetrit, Hugo Lacroix, Théotim Leclerc, Jeanne Disson, Nicolas Godart, Lumina Wang, Yves Yan, Annabelle Milot, Carl Malapa, Bruno Dondero, Lijun ‘Lili’ Wi-Kupiec, Steve Chaban, Mattéo La Capria, Feng Lili, Feichan Zeng, Line Phé, Weiting Chao, Tom Mairat, Patrick Guérineau, Sacha Petronijevic, Jiaxi Gao, Najim Zeghoudi, Lily Rubens, Soumaye Bocoum, Tony Harrisson, Misungui Bordelle, Stephen Manas, Rose Harlean

Durata: 105 minuti

Un film di: Jacques Audiard

Data di uscita: 24 Marzo 2022

REVIEW OVERVIEW
Da Non Perdere
SHARE
Previous articleThe Batman
Next articleLa Figlia Oscura
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.