Moonlight

0
23
Black / Chiron alias Trevante Rhodes in Moonlight

Il mio nome è Chiron, ma la gente mi chiama Little.
(Little – Alex R. Hibbert)

Miami. Il piccolo Chiron, chiamato da tutti Little, sfugge alle angherie dei compagni di classe che lo prendono in giro di continuo. Gli unici ad aver stretto amicizia con lui sono il coetaneo Kevin, che lo valuta nella maniera giusta, e Juan e Teresa, coppia senza figli che lo prende i simpatia.

La madre di Chiron è una drogata che per vivere fa la prostituta, e Chiron soffre molto di questo. Dopo qualche anno ritroviamo il ragazzo ancora a scuola, preso in giro dai compagni. Chiron reagirà, e alcuni cominceranno a chiamarlo Black, nome che terrà fino a quando da Atlanta dove si è trasferito a vivere deciderà di tornare a casa a Miami.

Dramma interessante e solido che analizza il mondo dell`omosessualità nell`ambiente delle persone di colore in modo diverso ed estremamente realistico. Ed è forse questo il più grande pregio e il limite maggiore di una pellicola che poteva essere perfetta, rivelandosi comunque un lavoro di buon livello. La scelta di dividere la storia nei 3 momenti temporali essenziali della vita di Chiron si rivela azzeccata, riuscendo così lo spettatore a farsi un`idea molto chiara di chi è il ragazzo davvero, di cosa pensa, di dove e come vorrebbe essere Tutto questo va un pò a discapito dell`attrattività commerciale del film, che si rivela quindi un lavoro elaborato, forse anche troppo per il comune spettatore che dal mondo del cinema si aspetta sempre quella sopresa che qui è poco presente. Questo non diminuisce però il valore del film, che resta pregevole e vincitore con merito del premio di Miglior Film ai recenti Golden Globe. Bella anche l`idea di dare 3 nomi diversi alla stessa persona, nomi che sono lì a rappresentare proprio le 3 fasi della vita di Chiron; la scelta delle parole non è in questo senso affatto casuale, essendo queste legate strettamente ai comportamenti e ai modi di essere del giovane. Perfettamente centrata la scelta degli attori per il primo e il terzo momento del protagonista, un pò meno quella del secondo che risulta troppo differente dagli altri due purtroppo. Un lavoro che vince e convince quindi, anche se nel mio caso non è stato in grado di penetrare dentro la mia anima: troppo distanti da me le tematiche trattate, troppo chiusi dentro di lui e poco mostrati all`esterno i sentimenti di Chiron per renderlo comprensibile a tutti in pieno. Capitolo a parte va aperto per Naomie Harris che nel film fa la parte di Paula, madre di Chiron: Naomie è bravissima e forse è proprio lei a dare un tocco in più alla storia, meritandosi a mio avviso anche un Oscar. Staremo a vedere cosa succederà, comunque consiglio il film ad un pubblico maturo e a tutti quelli che vogliono analizzare il mondo dei gay guardandolo da un punto di vista differente.

[review]

[two_fifth]

Moonlight - Locandina
Moonlight – Locandina

[/two_fifth]

[three_fifth_last] Moonlight

Genere: Drammatici

Cast: Alex R. Hibbert, Ashton Sanders, Trevante Rhodes, Mahershala Ali, Naomie Harris, Janelle Monáe, Andre Holland, Jharrel Jerome, Edson Jean, Jaden Piner

Durata: 110 minuti

Un film di: Barry Jenkins

Data di uscita: 16 Febbraio 2017

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here