Mio figlio

0
640
Julien Perrin in Mio figlio

Julien… Julien, sono Marie. Puoi chiamarmi per favore? È successo qualcosa a Mathys.
(Marie Blanchard – Mélanie Laurent)

Andrà tutto bene. Andrà tutto bene.
(Julien Perrin – Guillaume Canet)

Julien Perrin da tempo lavora in giro per il mondo, e questo suo non esserci lo ha portato alla separazione da Marie Blanchard, stanca di non avere accanto un marito, e di conseguenza a vedere poche volte durante l`anno Mathys, il figlio di 7 anni della ex-coppia.

Ma è proprio Julien che Marie chiama quando all`improvviso Mathys sparisce dalla tenda del campo estivo dove si trovava insieme ai suoi coetanei. Julien non si fa pregare, e subito corre sulle Alpi da Marie per parlare con gli investigatori e provare a fare ogni cosa che è in suo potere per trovare e salvare suo figlio.

previous arrow
next arrow
PlayPause
Slider

 

Thriller drammatico francese asciutto che non bada ai formalismi ma anzi cerca di raccontare una storia per quella che è veramente, provando a far emergere dalla trama gli stati d`animo del protagonista Julien Perrin, un Guillaume Canet bravo che per entrare al meglio nella parte è stato tenuto all`oscuro della trama fino all`ultimo, riuscendo in questo modo il regista Christian Carion a tirare fuori da lui emozioni vere ed estreme. Carion ha girato la pellicola nell`arco di una settimana e in parte si vede, visto che alcune fasi dello svolgimento sono un po` telefonate, nel senso che succede esattamente quello che lo spettatore sta aspettando, ma a conti fatti il valore aggiunto di questo prodotto non sta nel fattore sorpresa. Si tratta invece del viaggio di un uomo pronto a dimostrare a tutti coloro che gli stanno vicino e con cui dialoga, in primis se stesso, che il suo rapporto con il figlio è qualcosa di reale e tangibile, malgrado un lavoro che ama e che lo fa stare distante da lui, malgrado una donna – bella e brava Mélanie Laurent nella parte – che ama ma la quale sceglie la separazione proprio per l`assenza del protagonista nella vita sua e di suo figlio. Bellissimi gli spazi scelti per girare il film, una montagna pulita e piena di natura e allo stesso tempo un luogo che non lascia scampo e non regala niente a chi non sa come affrontarlo. Buono.

Mio figlio

Genere: Drammatici, Thriller

Interpreti: Guillaume Canet, Mélanie Laurent, Olivier de Benoist, Antoine Hamel, Mohamed Brikat, Lino Papa, Marc Robert, Pierre Langlois, Tristan Pagès

Un film di: Christian Carion

Durata: 84 minuti

Data di uscita: 27 settembre 2018

REVIEW OVERVIEW
Buono
Previous articleL’albero dei frutti selvatici
Next articleShowRUM 2018, e il Rum non è solo al cinema!
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here