Maria Regina di Scozia

0
712
Elisabetta I in Maria Regina di Scozia

Non sarò rimproverata da una mia inferiore.
(Maria Stuarda rivolta ad Elisabetta I – Saoirse Ronan)

Se mi uccidi, ricorda che uccidi tua sorella … e uccidi la tua regina.
(Maria Stuarda rivolta ad Elisabetta I – Saoirse Ronan)

1561, Scozia. Maria Stuarda torna nel suo Paese di nascita dopo che il marito che ha sposato, il re di Francia Francesco II, muore quando lei ha solo 18 anni. In Scozia Maria Stuarda è regina per diritto di nascita, e insidia con la sua presenza anche l`Inghilterra dove regna Elisabetta I.

Cugine ma molto diverse sia per religione – cattolica Maria, protestante Elisabetta – che per modo di essere – molto femminile Maria, molto maschile Elisabetta – , le due regine si scontrano provocate dalle rispettive Corti che non amano che a guidarle ci siano due donne, di cui una anche cattolica. Come ne usciranno fuori le due regine?

previous arrow
next arrow
PlayPause
Slider

 

Partiamo dalla parte bella: questo dramma storico creato sulla vita biografica di Maria Stuard è un prodotto godibile creato in maniera commerciale per il grande pubblico, per intenderci molto diverso da lavori ricercati come La Favorita (2019) visto e recensito solo pochi giorni fa. Potrebbe in teoria bastare questo a spiegare la grande differenza tra due lavori che all`apparenza potrebbero essere paragonati, ma che nei fatti non hanno nulla in comune. Ma perché iniziare in maniera tanto diversa questa volta? Presto detto: si troveranno facilmente in giro per il web commenti che tenderanno a paragonare due storie che escono con una sola settimana di distanza l`una dall`altra e che giocoforza andranno a scontrarsi al botteghino. Ma a noi, facendo i giusti paragoni del caso e i corretti inserimenti nei relativi contesti, sono a loro modo piaciute entrambe. Anche in questo caso, come in La Favorita (2019), abbiamo al centro due donne che si scontrano per il potere. Questa volta non si tratta di guadagnare influenza su una regina, ma di diventare e/o rimanere proprio tale regina. Lo scontro tra donne rispetto all`altro caso è molto soft, nel senso che entrambe le sovrane sono costrette a piegarsi al volere maschile se vogliono rimanere al proprio posto. Questo è estremamente interessante perchè mostra quanto in quel momento le donne non avessero forza di contrattazione, seppur nella posizione di comando più importante. Giganti dai piedi d`argilla di fronte al maschio, quindi, piedi che Elisabetta I rafforza diventando in ogni suo modo di essere e fare come gli uomini. Quello che funziona meno nella trama è la voglia mostrata dalla regista Josie Rourke di far piacere la trama a tutti: compaiono quindi afroamericani, cinesi e portoricani non presenti all`epoca, tanto quanto revisioni storiche ad uso e consumo delle masse come la sorellanza presunta tra le due sovrane. A tenere bene in piedi capra e cavoli ci pensano le due ottime interpreti Saoirse Ronan e Margot Robbie: senza di loro nulla avrebbe funzionato, con loro la pellicola diventa un prodotto piacevole – anche se non può andare oltre questo. Buoni i costumi e la fotografia.

Maria Regina di Scozia

Genere: Biografici, Drammatici, Storici

Interpreti: Saoirse Ronan, Margot Robbie, Jack Lowden, Joe Alwyn, David Tennant, Guy Pearce, Gemma Chan, Martin Compston, Brendan Coyle, Ismael Cruz Cordova

Un film di: Josie Rourke

Durata: 124 minuti

Data di uscita: 17 gennaio 2019

REVIEW OVERVIEW
Previous articleL`Agenzia dei Bugiardi
Next articleFigli del Destino
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here