Lontano lontano

0
1553
Il Professore, il cane, Attilio e Giorgetto in Lontano lontano

Questo era il mondo nostro, ce semo nati. Ci conoscono tutti.
(Il Professore – Gianni Di Gregorio)

I sogni non invecchiano mai, e con questo pensiero avventuroso tre pensionati romani cominciano a riempire le loro giornate pensando ad un viaggio in un posto lontano, un luogo “senza violenza, meduse, terremoti e maremoti“, dove valorizzare la loro pensione e sognare di vivere meglio, magari iniziando qualche piccola attività turistica, e superando la noia di giornate che stanno diventando sempre più vuote e prive di significato.

Tre romani molto differenti, quindi, che si ritrovano uniti in un pensiero comune mantenendo comunque con le loro diversità, in una Roma indolente e caciarona. Attilio (Ennio Fantastichini), dinamico venditore di vecchi oggetti con la passione della moto, in particolare una vecchia Triumph, e quella per i viaggi; Giorgetto (Giorgio Colangeli), scansafatiche dal cuore generoso, sempre in difficoltà ad arrivare a fine mese; Il Professore (Gianni Di Gregorio) con una casa piena di libri e una vita vuota di emozioni.

Il Prof. Federman (Roberto Herlitzka) li aiuterà nel programmare e organizzare il viaggio, che i tre saranno pronti ad intraprendere con entusiasmo giovanile, mitigato e corretto dall`età non più tenera come una volta. Tra pensione da spostare, conti in banca da chiudere, passaporti da aggiornare e medici da cambiare, il terzetto si impiglia tra le maglie di una burocrazia indifferente, ostile e poco collaborativa, che sembra non abbia meglio da fare che creare difficoltà. Ma non finisce qui: si deve anche creare un fondo spesa comune, imparare la lingua e altro ancora, e purtroppo prende pian piano il sopravvento la paura di non farcela a cambiare delle ormai radicate abitudini.

previous arrow
next arrow
Slider

 

Non sono più giovani, e il desiderio di cambiare vita per andare a stare meglio perde lo slancio che avrebbe avuto in gioventù. Il Professore viene distratto dal sorriso di una bella signora che incontrava ogni giorno al bar; Attilio scopre una linea di tenerezza nella figlia preoccupata di vederlo partire; Giorgietto finalmente trova il biglietto giusto del Gratta e Vinci. Alla fine prevarrà l`istinto buono, quello che in fondo abbiamo (quasi) tutti, in un viaggio che gli farà comunque riscoprire se stessi.

La presente pellicola scorre veloce con dialoghi allegri e commoventi nella loro semplicità. Al centro di tutto le mangiate e le bevute e l’amore per Roma, i suoi gioielli e le sue rughe, messe in mostra con dolcezza e rispetto, nelle camminate a Trastevere nei posti del cuore, passando per Porta Settimiana. Un lavoro corale, diretto con amore e grazia intelligente da Gianni Di Gregorio senza differenze di classe o di cultura. Una storia sulla generosità, che come è la grande protagonista di questa pellicola certamente da vedere con piacere e, personalmente, con qualche lacrimuccia spuntata fuori all`improvviso.

Lontano lontano

Genere: Commedia

Interpreti: Ennio Fantastichini, Giorgio Colangeli, Gianni Di Gregorio, Daphne Scoccia, Salih Saadin Khalid, Francesca Ventura, Silvia Gallerano, Iris Peynado, Galatea Ranzi, Roberto Herlitzka

Un film di: Gianni Di Gregorio

Durata: 90 minuti

Data di uscita: 20 Febbraio 2020

REVIEW OVERVIEW
Da Vedere
Previous articleCattive Acque
Next articleFantasy Island

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here