I villeggianti

0
568
Luca e Anna in I villeggianti

“Basterebbe una carezza,
per un cuore di ragazza,
forse allora sì che ti amerei.
Cos`è la vita,
senza l`amore…”
(Elena canta – Valeria Golino)

Per scrivere meglio la storia della sua prossima pellicola cinematografica, Anna va a stare insieme a sua figlia Celia nella bellissima villa di famiglia che si trova nella costa provenzale francese. Tanti amici e parenti la raggiungono, mentre li aspetta il personale pagato per assisterli.

Molte le discussioni e le risate tra tutti gli abitanti della villa, che fanno emergere stati d`animo e segreti inconfessati fino ad ora, mentre Anna aspetta che il marito, da cui rischia di separarsi, la raggiunga proprio in quel luogo.

previous arrow
next arrow
PlayPause
Slider

 

In parte commedia e in parte dramma, il nuovo prodotto franco-italiano di Valeria Bruni Tedeschi fa un buco nell`acqua che, piena di onde e pericolosa, rischia di portare lo spettatore un po` ovunque tranne dove davvero vorrebbe essere. La regista, che è anche una dei protagonisti con il ruolo di Anna, costruisce una trama che cerca di dipingere tramite la parafrasi dell`opera teatrale divisa in 3 atti e 1 epilogo il declino della società contemporanea europea, provando a raccontare questo declino da ogni punto di vista conosciuto. Iniziando quindi dal padrone di casa, un ex-industriale un tempo miliardario e oggi senza un soldo, si fotografa la decadenza dell`economia capitalista; a questo fanno seguito ricche donne senza figli per scelta propria che i bambini li sono andati a cercare in Africa, oppure quelle che i figli li stavano avendo e che li hanno persi a causa delle scelte scellerate del marito. E come non pensare a quelle che esplodono in un raptus di follia quando vengono lasciate da un marito che, in fondo, non le ha mai amate in quanto donne vuote dentro? Oppure, ancora, a tutte quelle piene di passione femminile, un sentimento per loro destinato a durare e in controtendenza con quello del maschio di turno, maggiormente propenso alla logica di una botta e via? Tanti, tantissimi i temi toccati, non ultimi quelli del confronto tra le classi sociali e quello della morte, tutti in modo apparentemente leggero, eppure… la storia non scorre, e si tende a guardare l`orologio per capire quando arriva la fine. Purtroppo tutto questo non conquista, e a prescindere dalle interpretazioni dei singoli attori che sono senz`altro di buon livello, questa pellicola sembra un prodotto fine a se stesso realizzato più per guardarsi allo specchio nel settore che per appassionare il grande pubblico. Tra gli attori, nettamente sopra gli altri la splendida Valeria Golino, per la quale gli anni sembrano davvero non passare mai – da cardiopalma vederla senza una spallina in vasca. Location sulla Costa Azzura bellissima, come allo stesso modo il mare che comunica non di rado più delle persone in carne e ossa. In fondo, il personaggio della Tedeschi non è altro che lei stessa, e questo film lo racconta in modo chiaro e senza fraintendimenti, una donna che si accomuna a tutti gli europei di ogni estrazione sociale, persone che bevono, ridono, scherzano e si ubriacano cercando di non vivere la vita. Sufficiente.

I villeggianti

Genere: Commedia, Drammatici

Interpreti: Valeria Bruni Tedeschi, Pierre Arditi, Valeria Golino, Noémie Lvovsky, Yolande Moreau, Laurent Stocker, Riccardo Scamarcio, Bruno Raffaelli, Marisa Borini, Oumy Bruni Garrel, Vincent Perez, Stefano Cassetti, Xavier Beauvois, Jenny Bellay, Joël Clabault, Leontina Fall, Brandon Lavieville, Guilaine Londez, François Négret, Aurélia Petit, Anthony Ursin, Frederick Wiseman

Un film di: Valeria Bruni Tedeschi

Durata: 127 minuti

Data di uscita: 7 marzo 2019

REVIEW OVERVIEW
Sufficiente
Previous articleAncora auguri per la tua morte
Next articleCaptive State, promo video e date
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here