Senza Lasciare Traccia

0
491
Tom e Will in Senza Lasciare Traccia

Possiamo ancora pensare con la nostra testa.
(Will – Ben Foster)

Non ho lo stesso problema che hai tu.
(Tom – Thomasin McKenzie)

Tom: Qual`è il tuo colore preferito?
Will: Qual`è il *tuo* colore preferito?
Tom: Il giallo.
Tom: Qual`era il colore preferito di mia madre?
Will: Il giallo.
Tom: Forse lo ho imparato da lei. Vorrei potermela ricordare.
Will: Lo vorrebbe anche lei.
(Tom e Will – Ben Foster e Thomasin McKenzie)

Bosco dietro a Portland, Stati Uniti. Tom conduce con suo padre Will, veterano di guerra pieno di traumi, una vita in segreto e isolata nella foresta, e insieme a lui ha costruito un equilibrio che le sembra qualcosa di perfetto ma che è una vita da eremiti.

Il suo eden viene interrotto all`improvviso quando vengono scoperti e costretti controvoglia a rientrare nel sistema sociale di Portland con una casa, una scuola e un modello di vita alla quale Will fatica ad adattarsi al contrario di Tom. Resteranno insieme?

previous arrow
next arrow
PlayPause
Slider

 

Dramma diretto da Debra Granik che torna alla regia dopo Un gelido inverno – Winter’s Bone (2011) cercando di seguire la stessa strada tracciata allora. Il prodotto questa volta si focalizza su 3 elementi principali quali la natura intesa in ogni sua forma e a 360 gradi, e i due protagonisti assoluti della trama, Tom e Will. Come spesso succede nel cinema della Granik troviamo al centro una ragazza giovane – allora Jennifer Lawrence, oggi la splendida e brava Thomasin McKenzie nel ruolo di Tom – che questa volta mostra come è in grado di uscire dall`orbita del padre senza smettere di volergli bene ma cercando la propria personale via verso un`esistenza felice. Colpisce la netta contrapposizione tra la vita da eremiti nella foresta con la vita in una metropoli che cerca ci comprarci la vita, e poi di nuovo tra la vita in una metropoli e quella in una comunità stile hippy dove Tom trova finalmente la sua dimensione. La sensazione è che tra i tre luoghi sia la metropoli ad essere una prigione, con la sua assenza di autonomia nelle scelte che vengono sempre e comunque indirizzate, volenti o nolenti. Altro tema trattato, anche se un po` alla lontana, è quello degli homeless, vera e propria piaga sociale che anche in Italia sta esplodendo con sempre maggiore forza. Molte scene sono girate in modo semplice e con la camera a mano, contribuendo a rendere semplice la trama. Splendide le immagini della Natura, raramente se ne sono viste di miglori in pellicole simili. A conti fatti, forse vivevamo meglio quando eravamo lontano dai media ed eravamo proprietari di minori cose, che quello che è nostro non lo è mai davvero del tutto. Utopico, ma buono.

Senza Lasciare Traccia

Genere: Drammatici

Interpreti: Ben Foster, Thomasin McKenzie, Jeff Kober, Dale Dickey, Peter James DeLuca, Ayanna Berkshire, Isaiah Stone, Dana Millican, Lane Stiemsma, Michael Draper, Kyle Stoltz

Un film di: Debra Granik

Durata: 109 minuti

Data di uscita: 8 novembre 2018

REVIEW OVERVIEW
Buono
Previous articleSe Son Rose, promo video e date
Next articleChesil Beach – Il segreto di una notte
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here