Le due vie del destino – The Railway Man

0
499
Eric Lomax in Le due vide del destino - The Railway Man

Arriva un momento della vita in cui l’odio deve finire.
(Eric Lomax – Colin Firth)

Eric Lomax è un grande appassionato di treni fin quando, da ragazzo, ha partecipato alla costruzione di una delle più grandi reti ferroviarie del mondo durante la II Guerra Mondiale in Asia. Ed è proprio su uno di questi treni che Eric incontra Patti, una donna affascinante di cui si innamora ricambiato. I due decidono di sposarsi ma proprio la notte di nozze qualcosa di imprevedibile succede: Eric è assalito da terrificanti incubi che Patti scopre solo allora si porta dietro sin proprio dal 1942, durante il periodo della guerra.

Cosa è davvero successo a quest’uomo, e come può essere possibile aiutarlo a superare quelli che sono per lui dei veri e propri blocchi? Patti, tormentata da questo nuovo demone interiore, incontra alcuni dei vecchi commilitoni di Eric e uno di questi gli racconta quel che sa del passato dell’uomo anche se anche lui ha un buco nero su 2 settimane in cui Lomax è stato messo in isolamento dai giapponesi. Perchè quelle 2 settimane pesano tanto nell’animo di Eric?

Basato sul bestseller autobiografico omonimo di Eric Lomax, il film è stato girato in Scozia, in Australia nel Queensland e in Thailandia.  La trama della storia scorre via leggera e senza grandi scossoni nella prima parte, per poi decollare al centro della trama: lì emergono le straordinarie qualità di attore di un Colin Firth in forma smagliante, capace di interpretare un Eric Lomax in età matura come difficilmente sarebbe stato possibile. Poesia, sentimento, dolore, morte e sofferenza si mischiano insieme in un melting pot in un crescendo continuo capace di arrivare davvero a toccare i cuori di animi sensibili come il mio. E’ vero, non ho mai vissuto sulla mia pelle una guerra di questa caratura anche se ho visitato scenari di guerra nel mondo e durante il film ci si sente davvero vicino ai protagonisti come non mai. Brava anche Nicole Kidman tornata a buoni livelli, un coraggioso Jeremy Irvine nei panni del giovane Eric, il bravo Hiroyuki Sanada alias Nagase maturo e nipponico dalla testa ai piedi e uno Stellan Skarsgard sul quale ormai ogni complimento risulta essere superfluo tanto elevato è il livello delle sue interpretazioni artistiche. Colori forti e molto vivi, un pathos che non ci abbandona (quasi) mai e il racconto di qualcosa di vero a cui è oggettivamente difficile credere sono altri elementi imprescindibili di un film da non perdere per nessun motivo al mondo.

Se doveste piangere ad un certo punto della storia, lasciatevi pure andare: in fondo questo tipo di storie servono proprio a farci riavvicinare alla parte più interiore di noi stessi.

[review]

[two_fifth]

Le due vie del destino - The Railway Man - Locandina[/two_fifth]

[three_fifth_last]Le due vie del destino – The Railway Man

Genere: Drammatici, Storici

Cast: Colin Firth, Nicole Kidman, Jeremy Irvine, Stellan Skarsgård, Sam Reid, Tanroh Ishida, Hiroyuki Sanada, Marta Dusseldorp, Tom Hobbs,Masa Yamaguchi, Byron J. Brochmann, Shinji Ikefuji, Ewen Leslie, Charlie Ruedpokanon, Yutaka Izumihara, Akos Armont, Tom Stokes

Un film di: Jonathan Teplitzky

Durata: 116 minuti

Data di uscita: 11 Settembre 2014[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here