La variabile umana

0
596
L'ispettore Adriano Monaco in La variabile umana

“Sei stata tu?”
“Se ti dico di no tu mi credi?”

Monaco è un’ispettore che da anni cerca di fare luce sui delitti che avvengono a Milano, capitale economica e finanziaria dell’Italia. Una città ricca di soldi, opportunità e convenienza, ma un luogo pieno di ombre e segreti su cui la società che conta nella zona ha da sempre preferito tacere.

Lo scorrere del tempo si fa sentire però anche per l’investigatore Monaco che inizia ad essere stanco di fare il suo lavoro, in particolare da quando 3 anni prima la morte di sua moglie lo ha lasciato solo a gestire la vita della ribelle figlia Linda. Ed è proprio una situazione legata alla ragazza che spinge l’uomo definitivamente a dare le dimissioni, che vengono accettate dai suoi superiori a patto che si occupi di dirigere le indagini sulla morte del noto imprenditore milanese Ullrich, trovato accasciato sul terreno in metto a droga ed alcool.

Quest’ultimo lavoro porterà Monaco ad entrare in un mondo che ha da tempo superato i limiti della decenza, perso tra lolite in erba, decadenza morale e sesso oltre ogni logica, rendendogli visibile qualcosa che fino ad allora gli era sempre purtroppo sfuggito.

Va detto subito che il problema principale del film è quello di sembrare a tutti gli effetti una fiction televisiva. Le basi per renderlo un lavoro adatto ai nostri cinema però ci sarebbero state: Silvio Orlando e Giuseppe Battiston sono bravi attori e anche questa volta forniscono una prestazione ampiamente sopra la sufficienza, ma la storia è prevedibile, i dialoghi non riescono ad essere intriganti e ad interessare davvero e Linda con la sua situazione non arriva a prendere i cuori delle persone. Peccato perchè la parte che riguarda Milano e i suoi grattacieli di metallo e quei palazzi che trasmettono segreti irrisolti è forse la cosa più bella ed interessante di tutta la pellicola. Sarà per la prossima volta.

la-variabile-umana-silvio-orlando-giuseppe-battiston-alice-raffaelli-sandra-ceccarelli-locandinaLa variabile umana

Genere: Drammatico

Cast: Silvio Orlando, Giuseppe Battiston, Alice Raffaelli, Sandra Ceccarelli, Giorgia Senesi, Dafne Masin, Renato Sarti, Arianna Scommegna

Un film di: Bruno Oliviero

Durata: 83 minuti

Data di uscita: 29 Agosto 2013 (Italia)

SHARE
Previous articleUna canzone per Marion
Next articleThe Spirit of ’45
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

LEAVE A REPLY