La scelta di Anne – L`Événement

0
899
Anne alias Anamaria Vartolomei in La scelta di Anne - L'Événement

( – )

1963, Francia. La giovanissima Anne, bella, intelligente e brava a ballare, va pazza per i libri, e vuole liberarsi dal suo stato sociale e familiare diventando una nota scrittrice. Ogni volta che va ad una festa con le sue amiche, evita gli uomini come la peste, combattendoli come succede in libri famosi come quelli di Camus o di Sartre.

L`idillio però finisce quando a sorpresa Anne scopre di essere incinta. Dopo un primo shock iniziale, la ragazza si pone il quesito di decidere cosa fare nella sua situazione. Purtroppo, mentre il tempo passa e questa cerca di trovare la soluzione migliore per lei, Anne capisce giorno dopo giorno che la libertà di essere e di decidere che pensava di avere prima è svanita. Cosa le riserva, quindi, il futuro?

Dramma francese vincitore del Leone d`Oro al 78esimo Festival del Cinema di Venezia che incredibilmente fa la sua prima uscita nelle sale non nel suo Paese d`origine ma nella nostra amata Italia. Diciamo subito che si tratta di una pellicola forte e molto, molto diretta, che non ha timore di mostrare le persone e i loro corpi per quello che sono veramente, anche rischiando in alcuni momenti di diventare oggettivamente eccessiva. Fortunatamente la regista Audrey Diwan costruisce la trama in modo intelligente, dando logicamente la priorità all`attrice principale, ma non lesinando di dare momenti di puro protagonismo a tante altre figure minori ma fondamentali per la vita di Anne. Eccezionale Anamaria Vartolomei nel ruolo di Anne, l`abbiamo conosciuta di persona ieri a Roma in conferenza stampa e sembra uno di quei volti di cui sentiremo spesso parlare in futuro. Interessante seguire come si sia scelto di raccontare i primi 4 mesi della gravidanza di una donna in un periodo storico della Francia – quello dei primi anni `60 – dove il sesso debole non aveva a livello culturale troppe scelte decisionali in questo senso, e si trovava giocoforza costretto a sottostare ai dettami di una società che lo voleva irregimentato alle proprie logiche educative e di vita. La donna era la donna, l`uomo era l`uomo, e ciascuno dei due aveva oneri e onori, dai quali difficilmente poteva sottrarsi. Quando Anne, però, decide di provare a cambiare le cose che la riguardano, possiamo osservare il racconto storico di una fascia culturale in cui ciascuna persona vede le cose in maniera diversa: abbiamo ragazze che sono amiche finché serve, ragazzi che ci stanno solo per il piacere di starci, giovani aperti ad aiutare anche se con fatica, docenti pronti a comprendere e professori che non cambiano mai idea, dottori che capiscono ma non se la sentono e altri che raccontano bugie per seguire le loro idee professionali e le indicazioni governative. Tutto questo esprime pienamente lo spaccato dei giovani francesi di quel tempo, ma sarebbe limitativo dire questo, anche perché tutto questo racconta quello che stiamo vivendo oggi tutti quanti, anche se in maniera e con modi alquanto diversi. Vedere Anne che si inietta una siringa di qualcosa colpisce in modo forte, e non può evitare di far pensare al nostro mondo invaso da Covid e sotto il controllo di multinazionali farmaceutiche che fanno principalmente i propri interessi. Belle le immagini e interessanti luci e colori, che insieme alle musiche e a tutto il resto rendono questa una pellicola da vedere, in particolare per i giovani di oggi.

La scelta di Anne - L`Événement - LocandinaLa scelta di Anne – L`Événement

GenereDrammatici

Interpreti: Anamaria Vartolomei, Kacey Mottet Klein, Luàna Bajrami, Louise Orry-Diquéro, Louise Chevillotte, Pio Marmaï, Sandrine Bonnaire, Anna Mouglalis, Leonor Oberson, Fabrizio Rongione, Alice de Lencquesaing, Julien Frison

Durata: 100 minuti

Un film di: Audrey Diwan

Data di uscita: 3 Novembre 2021

REVIEW OVERVIEW
Da Vedere
SHARE
Previous articleThe Last Duel
Next articleFiesta
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

LEAVE A REPLY