Il diritto di opporsi

0
740
Walter McMillian e Bryan Stevenson in Il diritto di opporsi

Walter McMillian: Non vorrà mollare?
Bryan Stevenson: No, Signore.
(Walter McMillian e Bryan Stevenson – Jamie Foxx e Michael B. Jordan)

Era come guardare un film pieno di gente che annega, e non avere un modo per salvarli.
(Eva Ansley – Brie Larson)

La tua vita ha ancora un valore, e io farò tutto il possibile perché non te la portino via.
(Bryan Stevenson – Michael B. Jordan)

Il giovane Bryan Stevenson, avvocato afroamericano neolaureato ad Harvard, decide di iniziare la sua carriera difendendo coloro che sono stati per qualche motivo e spesso senza un giusto processo condannati a morte nel profondo Sud degli Stati Uniti, e precisamente in Alabama.

Di questi, la maggior parte ha la pelle nera esattamente come lui, e tra loro uno colpisce particolarmente la sua attenzione: si tratta di Walter McMillian, condannato alla sedia elettrica per aver ucciso una giovane dalla pelle bianca. McMillian in realtà non ha ucciso nessuno, ma è stato accusato ingiustamente con il fine di trovare velocemente un colpevole così da far sentire sicura la comunità dei bianchi della zona.

previous arrow
next arrow
PlayPause
Slider

 

Dramma made in USA che racconta una storia vera, una storia che potrebbe essere quella di tantissimi afroamericani nati negli Stati Uniti d`America e cresciuti in una nazione che, volenti o nolenti, ha sempre favorito le persone con soldi e fama, sfavorendo quindi le comunità locali come quella delle persone di colore, in particolare nel profondo sud del paese. Se guardiamo la storia strettamente dal punto di vista della trama e di quello che vediamo raccontato, non troviamo grosse novità rispetto a tanti altri lavori dedicati a temi molto simili a questo, temi che mettono al centro i problemi reali di un Paese che ha dovuto e deve ancora fare i conti con i suoi demoni interiori, con al centro il cliché degli afroamericani dominati dai bianchi. Detto questo, però, in questa pellicola abbiamo del valore aggiunto, che viene in primis dagli attori scelti, quasi tutti di primissimo piano, a cominciare da Jamie Foxx che buca lo schermo con le sue espressioni di sofferenza e dolore e con il suo percorso di redenzione, continuando con Brie Larson che allo stesso modo riesce a farsi notare come un personaggio ipercritico ma totalmente onesto nel suo essere sé stesso. Paradossalmente rispetto ai due appena citati esce “sconfitto” il protagonista della storia, interpretato da Michael B. Jordan, un attore di buon livello ma con delle oggettive problematiche nelle espressioni facciali, troppo spesso l`una identica all`altra (in questo ricorda molto il noto problema espressivo di Ben Affleck). Ambientazioni buone per una sorta di esplorazione dei sobborghi dell`Alabama nel corso del periodo che va a cavallo tra gli anni 80 e gli anni 90. Buono, da vedere per tutti coloro che amano le ricostruzioni storiche e vogliono scoprire ancora una volta quello che succedeva nel sud degli USA.

Il diritto di opporsi

Genere: Drammatici

Interpreti: Marcus A. Griffin Jr., Michael B. Jordan, Jamie Foxx, Brie Larson, Rob Morgan, Tim Blake Nelson, Rafe Spall, O’Shea Jackson Jr., Lindsay Ayliffe, C.J. LeBlanc, Ron Clinton Smith, Dominic Bogart, Hayes Mercure, Karan Kendrick, Kirk Bovill, Terence Rosemore, Darrell Britt-Gibson, Tim Hooper, Elizabeth Becka, Jacinte Blankenship, Claire Bronson, Matthew Byrge, Jeff Coopwood, Steve Coulter, Olivia De Paux, Matthew Del Bene, Ryan Dinning, Mark Dippolito, Sandy Givelber, Rhoda Griffis, Darryl W. Handy, Sebastian Eugene Hansen, Michael Harding, Mallory Hoff, Whitney Howard, Ted Huckabee, Denitra Isler, Harvey B. Jackson, Jay DeVon Johnson, Sean K. Jones, Kevin Kedgley, Donald J. Koko, Mary Kraft, John Lacy, Amahl Lipkins, David Michael-Smith, Al Mitchell, Deadra Moore, Leydi Morales, Kelly Mumme, Stephen Wyatt Nelson, J. Alphonse Nicholson, Carl Palmer, Tatom Pender, Desmond Phillips, Josh Royston, Drew Scheid, Martell Slater, Bill Southworth, Tonea Stewart, Albert L. Taylor, Todd Layne Thompson, Andrene Ward-Hammond, Brandon Armstrong, Kate Ash, McDaniel Austin, Gregg Bernhard, Tony Bradley, Pete Burris, Chris Codding, Jerome Godwin, John Grimm, Christine Hameed, Champ Hollins, Kuntrell Jackson, Kevin Alan Johnson, Jay D. Kacho, Noah Hudson Killingbeck, Deron Lillard, Roy Luke, Matt Markopoulos, Cynthia Q. Minor, Mark Randle, Leonard Roll, Patti Schellhaas, Patrick Seda, Robert Tinsley, Alex Van, Damon Vance, Benjamin Weaver

Un film di: Destin Daniel Cretton

Durata: 137 minuti

Data di uscita: 30 Gennaio 2020

REVIEW OVERVIEW
Buono
Previous article1917
Next articleDolittle
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here