Interstellar

0
29
Cooper in Interstellar

“L’amore è l’unica cosa che trascende il tempo e lo spazio.”
(Brand – Anne Hathaway)

“La legge di Murphy dice che tutto quello che deve accadere, accadrà. E a noi non sembrava assolutamente una cosa brutta.”
(Cooper – Matthew McConaughey)

In un futuro non molto lontano la Terra sta morendo ed ha abbandonato gli uomini: l’unica speranza è riuscire a trovare in tempo un altro pianeta sul quale la razza umana possa trasferirsi e Cooper, pilota e scienziato, è l’uomo chiamato a guidare il piccolo gruppo di esploratori della galassia che hanno il compito di individuare il pianeta destinato all’esodo. Ma nell’universo quasi tutto è mistero e Cooper si troverà ben presto a domandarsi se la scelta di partire per salvare da morte certa anche i due figli che ha lasciato, si sia rivelata quella giusta.

L’attesissimo film di Christopher Nolan non delude nessuna delle aspettative, anzi: ci troviamo di fronte ad un grandissimo lavoro che ci racconta di scienza, di fede nell’uomo e nel destino, di libero arbitrio e di speranza. Prima delle considerazioni tecniche non si possono che sottolineare i continui rimandi all’Odissea di Kubrick, dall’utilizzo del tema musicale di sottofondo alla scelta degli attori, alle inquadrature nello spazio remoto sino ad arrivare ad una considerazione sul rapporto macchina/uomo la cui visione, per Nolan, si ribalta, manifestando la differenza con Kubrick dovuta soprattutto al diverso approccio alla tecnologia che possiamo vantare ora nel ventunesimo secolo; lasciamo però allo spettatore il gusto di riflettere su questi dettagli e scoprirli tutti. La regìa di Nolan coniuga sapientemente le grandi scene da blockbuster con il suo tocco unico per il significante, sempre presente dietro ogni inquadratura, così come la sceneggiatura porta il suo marchio distintivo, specie nella parte finale della pellicola: il ribaltamento di prospettive al quale ci ha spesso abituati non manca, regalandoci colpi di scena e colpi al cuore, quando poi si insinua nello spettatore il sospetto concreto che là fuori l’uomo possa essere molto più di quello che crede, migliore, pronto a donare sé stesso in nome di qualcosa di più grande un pò come l’Ulisse dantesco, ma senza ricorrere all’aspetto religioso, esclusivamente con la consapevolezza della possibile grandiosità dell’animo umano. Interessanti le teorie scientifiche che ci spiegano la relatività e il concetto di wormhole restando a metà tra scienza e fantasia, aprendo porte sul possibile.

Un lungometraggio grandioso, che è si fantascienza ma che racchiudere in un solo aggettivo non si può, dove al centro si pone l’uomo come essere fragile ed imperfetto ma ricco di risorse e di possibilità perchè, citando Cooper nel film: “Troveremo un modo. L’abbiamo sempre fatto“. Assolutamente da non perdere quello che è molto più del film dell’anno.

[review]

[two_fifth]

interstellar-locandina[/two_fifth]

[three_fifth_last] Interstellar

Genere: Fantascienza

Cast: Matthew McConaughey, Anne Hathaway, Jessica Chastain, Michael Caine, John Lithgow, Ellen Burstyn, Casey Affleck, Wes Bentley, Mackenzie Foy, David Oyelowo, Matt Damon, Topher Grace, Bill Irwin, Elyes Gabel, Timothee Chalamet, David Gyasi, Liam Dickinson

Un film di: Christopher Nolan

Durata: 169 minuti

Data di uscita: 06 Novembre 2014

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here