Come ti divento bella

0
836
Renee Bennet in Come ti divento bella

Renee Bennett: Ho pensato gradissi un antipasto di quello che ti aspetta.
Ethan: Quello non è un antipasto, siamo già al dolce. Sei completamente nuda.
(Renee Bennett ed Ethan – Amy Schumer e Rory Scovel)

New York. La trentenne Renée Bennet lavora come content editor in un sottoscala di Chinatown al soldo di in una multinazionale che gestisce il mondo della cosmetica luxury. Sogna di trasferirsi a lavorare a Manhattan, ma purtroppo si vede brutta e grassa e non valuta se stessa adatta a questo compito.

Renée Bennet ha qualche chilo di troppo e non ha un viso da modella da prima pagina di rivista glamour, ma quando un incidente sportivo le fa battere la testa, la ragazza si risveglia e inizia a vedersi innegabilmente bellissima. Da quel momento in poi, la vita inizia a spalcare le porte a Renée. Ma è vera gloria?

previous arrow
next arrow
PlayPause
Slider

 

Commedia surreale ma divertente diretta da Abby Kohn e Marc Silverstein che strizza l`occhio in modo diretto e palese a tutta quella larga fetta di donne che non stanno bene con il proprio corpo e si vedono brutte o comunque non abbastanza affascinanti da riuscire a conquistare il maschio tanto desiderato. Gli eccessi la fanno da padrone nella vita della giovane Renee Bennet, brava ed espressiva Amy Schumer in una parte che raggiunge il suo top nella scena di nudo integrale con il suo Ethan, e delle volte il gioco riesce, altre un po` meno per via di un linguaggio troppo scurrile e da scaricatore di porto che la ragazza usa sovente nella storia. Intendiamoci: negli States moderni questo è purtroppo per molti il modo di esprimersi, ma per chi ha un minimo di cultura di base spesso questo risulta inaccettabile o anche solo parzialmente disturbante, e soprattutto non fa ridere. Comunque malgrado tutto questo la storia comunque funziona, anche per merito di una bravissima Michelle Williams alias Avery LeClaire che sia nella versione in lingua originale che in quella doppiata in italiano parla con un tono di voce che sfiora il ridicolo ma che diverte. La mamma di Avery è interpretata da quella Lauren Hutton che tutti ricordano come l`amante di Richard Gere in American Gigolo (1980). Bellissime le donne presenti nel film, a partire dalla Venere Nera Naomi Campbell alias Helen fino ad arrivare al corpo più bello del mondo, quello dell`attrice e modella Emily Ratajkowski alias Mallory. Molto interessante, infine, la fotografia che si fa del trucco e dei materiali per curare la bellezza del viso al femminile, in particolare per le persone del sesso maschile che conoscono molto meno la complicata galassia dell`altro sesso.

Come ti divento bella

Genere: Commedia

Cast: Amy Schumer, Michelle Williams, Tom Hopper, Rory Scovel, Adrian Martinez, Emily Ratajkowski, Aidy Bryant, Busy Philipps, Lauren Hutton, Sasheer Zamata, Angela Davis, Caroline Day, Anastagia Pierre, Gia Crovatin, Olivia Culpo, Naomi Campbell, Kyle Grooms

Un film di: Abby Kohn, Marc Silverstein

Durata: 110 minuti

Data di uscita: 22 agosto 2018

REVIEW OVERVIEW
Buono
Previous articleAnt-Man and The Wasp
Next articleGotti – Il Primo Padrino, promo video e date
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here