È Arrivato il Broncio

0
27
Alba e Terry in È arrivato il Broncio

E ora diventerete tutti imbronciati!
(Broncio – Ian McShane)

Pellicola di animazione con taglio veloce, dinamico ed attuale, che parla un linguaggio moderno, dovuto all’ esperienza di web animator del regista Adres Couturier e dalla sceneggiatura di Jim Hecht, che ruota intorno ai temi della vita adolescenziale, al senso di insicurezza tipico di quell’età, alla mancanza di responsabilità, all’idea che arrivi qualcuno pronto a risolvere i problemi, ad avere tutto, anche una storia d’amore, con citazioni che si riferiscono alla vita di tutti i giorni, che non mancheranno di essere percepite con interesse ed attenzione da genitori, figli e nipoti in sala.

Un racconto per tutta la famiglia con colori e dinamica che ricordano un videogioco, e che potrà piacere molto anche agli adolescenti.

La storia è la classica lotta tra il bene ed il male, questa volta però condita con dialoghi, che danno spunto a riflessioni sul senso della vita, dell’amore e della felicità.

Narra di Terry, un ragazzino che amava trascorrere le vacanze nel parco dei divertimenti della nonna Mary, dove con la fantasia iniziava a viaggiare in terre incantate piene di sorprese: draghi, creature fantastiche come piante parlanti e … principesse! Ora che la nonna non c’è più il parco rischia di chiudere per sempre, e con esso i ricordi d’infanzia. Terry, disperato, non sa cosa fare. Fortunatamente, e del tutto casualmente, viene trasportato in un vero regno incantato, ma che di sicuro non è felice e spensierato come la nonna gli aveva fatto credere. Un mago bisbetico di nome Broncio, ha infatti lanciato un sortilegio nel paese incantato e così i sorrisi e le risate iniziali sono diventati ricordi del passato.
Alla fine una magia aiuterà la principessa Alba a riconoscere in Terry il suo Principe Azzurro, e insieme riporteranno nel Regno la Felicità… ed il parco dei divertimenti ritornerà all’antico splendore.

La narrazione veloce, illuminata da colori smaglianti, da immagini fantastiche, dà spunto a molte riflessioni sui personaggi della storia, che rappresentano stereotipi diffusi:

Alba, la bionda Principessa che si rivela insicura ed incapace di risolvere i suoi problemi perché ancora non ha capito che, quando incontri delle difficoltà, le devi affrontare e risolvere, senza nasconderti sotto al letto;
Terry comprende che la vera Felicità non può essere un regalo ma deve essere una conquista, ed alla fine la trova, facendo affidamento su una forza che ancora sapeva di possedere;
Broncio, un vecchio bisbetico che non capisce la felicità e vuole togliere l’amore e la spensieratezza a tutti, capace com’è di rovinare ogni bella giornata. Ma un fondo di bontà è presente anche in lui, che vuol tornare ad amare di nuovo;
Dingo il tenero drago, rimasto riconoscente al malefico Broncio, che lo aveva adottato quando ancora si chiamava Sorriso.

Numerose le citazioni di attualità, come riferimenti al cibo biologico, ai selfie, ai social, agli emoji, alle Happy Hours, al navigatore GPS, che non sfuggiranno ai più grandicelli.

Insomma una storia raccontata in maniera moderna, che fa riflettere sul consumismo che genera insoddisfazione, che la frenesia del tutto e subito non funziona, e che ci vuole tempo per la felicità, che si trova quando sei pronto a lasciarti andare.

[review]

[two_fifth] 

[/two_fifth]

[three_fifth_last] È Arrivato il Broncio

Genere: Animazione, Avventura, Commedia

Voci: Ian McShane, Toby Kebbell, Lily Collins.

Un film di: Andres Couturier

Durata: 90 minuti

Data di uscita: 1 Marzo 2018

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here