Ancora auguri per la tua morte

0
732
Ryan Phan, il suo gemello e Carter Davis in Ancora auguri per la tua morte

Ryan Phan: Mi sembra di aver vissuto gia questo giorno.
Tree Gelbman: Déjà vu?
Ryan Phan: Sì.
Tree Gelbman: Il giorno è ripartito quando sei morto, giusto?
Ryan Phan: Sì.
Tree Gelbman: Forse posso aiutarti, sono morta 11 volte.
(Ryan Phan e Tree Gelbman – Phi Vu e Jessica Rothe)

Siamo scienziati. Risolviamo i problemi.
(Ryan Phan – Phi Vu)

Pensi davvero che avrei lasciato che una piccola puttana rompesse il mio matrimonio?
(Stephanie Butler – Laura Clifton)

Ryan Phan si sveglia da un tremendo incubo nel quale un`assassino dal volto mascherato da bambino lo uccide. Ma al suo risveglio scopre anche che qualcosa non quadra: non gli sembra di svegliarsi, ma di rivivere proprio l`inizio dell`incubo in questione.

Terrorizzato, ne parla con Tree Gelbman e Carter Davis, e Tree resta sconvolta perché si rende conto che Ryan è entrato nel loop da cui lei si è appena riuscita a liberare, e che senza volerlo ha portato di nuovo anche lei nello stesso loop, un loop diverso dal precedente e dove la sua assassina Lori è stata uccisa. Ma allora, chi è il nuovo killer, e come riuscire a liberarsi del loop questa volta?

previous arrow
next arrow
PlayPause
Slider

 

Dopo il grande e per certi versi inatteso successo di Auguri per la tua morte (2017), torna in toto la squadra che ha diretto e interpretato il primo film di salsa mistery thriller e horror in questo seguito che vira in modo forte rispetto al primo e, pur mantenendo dei temi forti al suo interno, strizza l`occhio verso un pubblico in parte diverso, quello che ama i dramma. In questo senso, a perdere punti sono il terrore e la paura, mentre assistiamo ad una forte crescita degli elementi comici. A livello di messaggio, si cerca qui di seguire direttamente quello comunicato nel prodotto precedente: se in quel caso si sottolineava come fosse la felicità e l`essere veri e puliti dentro a portare il bello nella vita delle persone, questa volta si amplifica tutto questo, andando a parlare in prima istanza dei rapporti madre-figlia, e di come questi siano importanti ma secondari rispetto al futuro dei giovani, futuro che deve giocoforza essere costruito credendo nelle proprie intuizioni perché nulla è mai certo e garantito. Messaggio fondamentale in un Paese come l`Italia che è mentalmente arretrato in questo senso e dove i giovani, in particolare al Sud, tendono a restare attaccati alle famiglie di origine dando a queste maggiore importanza rispetto al cercare di costruire un futuro in una nuova famiglia. Bravi come la scorsa volta tutti gli interpreti, anche se la mia scelta cade sempre sulla protagonista Jessica Rothe, nei comportamenti della quale molte ragazze di oggi potranno facilmente riconoscersi, e sul suo partner Israel Broussard, coppia davvero affiatata nella pellicola. Effetti speciali piacevoli anche perché non eccessivi e ridondanti, ambientazioni tipiche di un college made in USA. Buono per tutti, anche se chi si aspettava un prodotto dalla forte componente horror probabilmente potrebbe rimanere deluso.

Ancora auguri per la tua morte

Genere: Drammatici, Horror, Mistery

Interpreti: Jessica Rothe, Israel Broussard, Ruby Modine, Rachel Matthews, Charles Aitken, Jason Bayle, Phi Vu, GiGi Erneta, Tenea Intriago, Suraj Sharma, Sarah Yarkin, Steve Zissis, Laura Clifton, Missy Yager, Caleb Spillyards, Jimmy Gonzales, Peter Jaymes Jr., Rob Mello, Kenneth Israel, James W. Evermore, Johnny Ballance, Lindsey G. Smith, Tran Tran, Blaine Kern III, Brenda Currin, Cariella Smith, Brady Edwin Lewis, Wendy Miklovic, Ramsey Anderson, Brent Phillip Henry, Sylvia Grace Crim, Ethan Airhart, Sarah Bennani, Timothy Hinrichs, Alexis Holloway, Julia Holt, Ken Knight, Jacqueline Harris Matherne, Woodrow Eduard McCarthy, Jonathan Pal, Jeffrey Patrick, Jeffrey Riseden, Natalie Sibille, Toney Chapman Steele

Un film di: Christopher Landon

Durata: 100 minuti

Data di uscita: 28 febbraio 2019

REVIEW OVERVIEW
Buono
Previous articleGloria Bell
Next articleI villeggianti
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here