Il cliente

0
45
Rana ed Emad in Il cliente

Studente: Seriamente, professore, come si fa a diventare una bestia?
Emad Etesami: Con il tempo.
(Emad Etesami – Shahab Hosseini)

Perchè tua moglie ha aperto la porta?
(Naser – Farid Sajjadi Hosseini)

Il palazzo dove Emad, maestro di scuola, e Rana vivono da tempo sta per crollare, e la coppia si trova costretta a lasciare casa per evitare rischi più seri. Mentre stanno cercando una nuova abitazione, entrambi lavorano in una compagnia teatrale recitando come protagonisti di Morte di un commesso viaggiatore di Arthur Miller.

Ed è proprio il collega Babak a fornire loro un nuovo appartamento da poco liberato da una donna dalla reputazione non esattamente buona. Una sera, in attesa del ritorno di Emad, Rana apre la porta ad uno sconosciuto convinta sia il marito, e si ritrova a terra ferita dall`uomo. Da allora Emad inizia la ricerca del colpevole, e una coppia che sembrava perfetta inizia a sgretolarsi.

Il maestro iraniano Asghar Farhadi, vincitore del premio Oscar con Una Separazione (2011), si ripete con questo thriller drammatico che vince i premi per la migliore sceneggiatura e per i miglior attore protagonista a Cannes 2016. La prima cosa che salta agli occhi è la scelta di Farhadi di rappresentare la vita reale come una finzione teatrale, e la finzione teatrale come vita reale, in una commistione di intenti, azioni e comportamenti che sovente durante lo svolgimento della storia fanno venire dei dubbi su quale sia davvero la realtà tra le 2 fasi. In questo contesto si inserisce tutto quello che succede ai due protagonisti, che passano da coppia felice a non-coppia non per colpa degli avvenimenti che gli succedono, ma solo per responsabilità loro, poichè a conti fatti non è una vera coppia quella che di fronte alla prova dagli eventi si sfascia. L`iniziale abbandono della casa da parte di Emad, bravissimo Shahab Hosseini, e di Rana, brava e bella Taraneh Alidoosti, assume un valore altamente simbolico, rappresentando l`inizio della fine della coppia protagonista, che non ha più quindi una casa metaforica, cioè perde ogni capacità di essere diretta, onesta, trasparente e chiara. Senza comunicazione e rispetto la coppia scoppia, ed è un punto su cui non si può che concordare al 100%. D`altro canto il rapporto tra uomini e donne non è mai stato facile in nessuna parte del globo, e questo è ancora più vero in una società come quella persiana, dove verso le donne e nel contesto sociale il rispetto è fondamentale, e dove sovente si pratica quello scarico di responsabilità sui fatti accaduti tipico del Sud Italia. Il silenzio, o meglio il segreto che una donna tiene verso il suo uomo, è qualcosa che potrebbe far impazzire chiunque: nel caso di Emad, l`uomo fa un viaggio verso gli inferi interiori, viaggio che però riesce a contenere per quanto possibile. Altro punto interessante è che la coppia non ha figli: questo evidentemente pesa nei problemi che atterrano sul loro rapporto, e ce ne accorgiamo chiaramente quando il nipotino li va a trovare. Miracolosamente, con la sua presenza tutto sembra funzionare di nuovo, seppur per pochi momenti. Ad una certa età, per funzionare una coppia ha bisogno della presenza di un bambino dove canalizzare le proprie energie positive. Belle le riprese effettuate non di rado con la camera a mano in modo da riuscire a trasferire un senso di fluidità e movimento della trama, e molto interessante la fotografia sociale che emerge del mondo dei palazzinari di Teheran dove tutto si svolge, davvero simile a quello presente a Roma.

[review]

[two_fifth][/two_fifth]

[three_fifth_last] Il cliente

Genere: Drammatici, Thriller

Interpreti: Shahab Hosseini, Taraneh Alidoosti, Babak Karimi, Farid Sajadi Hosseini, Mina Sadati, Maral BaniAdam, Mehdi Kooshki, Emad Emami

Un film di: Asghar Farhadi

Durata: 124 minuti

Data di uscita: 5 Gennaio 2017

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here