Cinquanta sbavature di nero

0
1248
Christian e Hannah in Cinquanta sbavature di nero

Christian Black: Vorrei che ti dessi a me sessualmente.
Hannah Steele: E io che cosa ci guadagno?
Christian Black: Me.
(Christian Black e Hannah Steele – Marlon Wayans e Kali Hawk)

Annunciato nell’estate 2015, questo film è la parodia demenziale ed eccessiva del film tratto dal bestseller di E. L. James, Cinquanta Sfumature di Grigio (2015) scritto da Marlon Wayans (che interpreta anche il ruolo del protagonista, Christian Black) e Rick Alvarez e diretto da Michael Tiddes. Sarebbe forse consigliabile, per comprenderne e apprezzarne appieno la satira, vedere l’originale prima d’affrontare la parodia, ma qualora non si volesse, è sufficiente partire dal presupposto che i personaggi, le luci e il tono dei dialoghi sono quasi l’opposto di quelli creati dalla James. Là dove Christian e Ana sussurrano e si scambiano sguardi intensi, Black e Hannah scaricano battute di dubbio gusto e risate sguaiate.

Hannah Steele (Kali Hawk) non ha nulla del candore verginale della controparte: soda e sexy, maliziosa, decisa, alla sua inesperienza sulla carta non corrispondono né i suoi pensieri né le sue azioni. In biancheria intima per la maggior parte del film (e rigorosamente con completi intimi sensuali e scelti con estrema cura per esaltare le morbide rotondità del suo corpo), Hannah è l’antitesi stessa della sottomessa. Mentre il suo romanticismo è appena accennato, il suo sarcasmo, la sua sensualità e la sua dialettica sono prorompenti e dirompenti.

Christian Black (Marlon Wayans che ricordiamo in in Ghost Movie 1 e 2 e in White Chicks), figlio adottivo della superficiale e razzista Claire (Jane Seymour), è un ricchissimo (ma non si sa bene perché) ex spogliarellista con l’istinto per il furto e con imbarazzanti carenze amatorie e sessuali. Nessun elicottero, nessun jet privato per Mr. Black, ma preservativi scaduti, risate inopportune, modi grezzi e buone maniere forse più carenti delle sue capacità sessuali: questo Christian è l’antitesi per eccellenza del ‘bello e dannato’ maniaco del controllo dall’animo fragile descritto dalla James nella sua trilogia.

Notevole la parodia della coinquilina di Hannah, Kateesha (Jenny Zigrino), volgare ninfomane dall’abbigliamento improbabile e dalle acconciature eccentriche quasi quanto le sue unghie.

Infine, una menzione di merito alla stanza rossa del piacere che racchiude l’oscuro segreto dell’aspirante dominatore Christian Black. L’allestimento e gli strumenti BDSM sono esilaranti nella loro elegante ed impeccabile disposizione, in linea con la mania del controllo e dell’ordine che Christian non esita a rimarcare, e non mancano espliciti riferimenti ad un altro schiavismo, ben più vergognoso e terribile, nelle etichette alle cinghie per le punizioni corporali.

Cinquanta sbavature di nero - Locandina Cinquanta sbavature di nero

Genere: Commedia, Erotici

Attori: Marlon Wayans, Kali Hawk, Jane Seymour, Fred Willard, Mike Epps, Andrew Bachelor, Affion Crockett, Kate Miner, Tina Grimm, Brad Schmidt

Durata: 92 minuti

Un film di: Michael Tiddes

Data di uscita: 18 Febbraio 2016

SHARE
Previous articleThey Look Like People
Next articleZeta – Il film, promo video e date
Laureata in lingue e letterature straniere con un master in marketing e uno in comunicazione d'impresa, appassionata di filologia, arte, archeologia, divoratrice compulsiva di libri. Fotografa per passione, curiosa per natura, ama il teatro, in particolare l'opera, e il cinema.

LEAVE A REPLY