Il Capo Perfetto

0
355
Blanco e Roman in Il capo perfetto

Blanco, sposato e senza figli, è il padre-padrone di un`azienda che produce bilance. La sua azienda, la Blancos, sta per ricevere la visita di una commissione pronta a sceglierla come vincitrice di un premio contro altre 2 aziende avversarie.

Tutto dovrebbe essere facile per Blanco, che tale sembra a prima vista. Ma nella Blancos nulla è mai semplice, e tutto si muove in modi che sembra strano prevedere, soprattutto a livello di relazioni personali. Ce la faranno a vincere il premio questa volta?

Storia strana ma di una bellezza disarmante, che si colloca al centro tra avventura e commedia, arrivando non di rado a toccare degli aspetti che la rendono a tutti gli effetti un vero e propro dramma. L`analisi della vita del proprietario facoltoso di una piccola e media impresa spagnola viene effettuata in modo minuzioso e con eccesso di aspetti comici, logicamente voluti per far sentire allo spettatore meno il peso altrimenti opprimente di tutto quello che succede durante lo sviluppo della trama. Si scontrano qui la facciata di una professione con quelli che sono gli aspetti interiori di questa.

Mentre la visione che si ha della prima è quella di una famiglia modello, con un imprenditore sempre pronto e disponibile a dare una mano senza secondi fini, quello che emerge dai secondi è la vita nascosta a livello di amore, amicizia, rapporti umani e tanto altro che tutti i partecipanti a questo grande gioco corale hanno. A questo si aggiungono le loro posizioni, che cambiano a seconda degli equilibri che prende la bilancia della loro vita. A proposito di bilancia, viene nella trama usata come elemento in grado di comunicare allo spettatore quanto equilibrio si ha in quel momento in una determinata fase della pellicola, equilibrio che va a peggiorare o a migliorare a seconda di quello che succede. Equilibrio che, per stare a posto, deve essere perfetto al 100%. Complimenti, anche in questo senso, al regista Fernando León de Aranoa che ha avuto la bravura di incastrare perfettamente tutti i pezzi di un puzzle abbastanza complesso ma in grado di conquistare tutti o quasi, dalla persona che vuole farsi solo due risate a coloro i quali vogliono capire meglio le – dobbiamo dire tante – microstorie nella storia e i loro innumerevoli significati, forse classici ma comunque di alto livello. Si parte dalle stagiste brave e in carriera fino ad arrivare al dipendente proveniente dai paesi arabi in lotta perenne con il collega spagnolo, a sua volta in rotta con la moglie che lo ha tradito, e tanto altro ancora. Bravissimo Bardem nel ruolo del protagonista Blanco e comunque bravi anche tutti gli altri, con la figura di Fortuna che è forse quella che, per tanti motivi, resta maggiormente impressa. Ottima la fotografia – da manuale la scritta all`entrata nella fabbrica che ricorda, anche se alla lontana, quella presente ad Auschwitz – belli i colori e forte come detto l`empatia. Presente anche una scena fortemente piccante ma dall`effetto divertente, per qualcosa che consiglierei di non perdere davvero a nessuno.

Il capo perfetto - LocandinaIl Capo Perfetto

GenereAvventura, Commedia, Drammatici,

Interpreti: Javier Bardem, Manolo Solo, Almudena Amor, Óscar de la Fuente, Sonia Almarcha, Fernando Albizu, Tarik Rmili, Rafa Castejón, Celso Bugallo, Francesc Orella, Martín Páez, Yaël Belicha, Mara Guil, Nao Albet, María de Nati, Dalit Streett Tejeda, Nicolas Ruiz, Daniel Chamorro, Font García, Sayago Ayuso, Nourdin Batan, Mouad Ghazouan, Eva Rubio, Gabriela Flores, Daniel Ibáñez, Óscar Zafra, Mon Ceballos, Joaquín Abad, Pilar Matas, Maty Gómez, Candela Vergara, Rosa Alatrista, Sonia Herrera

Durata: 120 minuti

Un film di: Fernando León de Aranoa

Data di uscita: 23 Dicembre 2021

REVIEW OVERVIEW
Da Non Perdere
SHARE
Previous articleHouse of Gucci
Next articleWest Side Story 2021
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.