Di tutti i colori

0
443
Vladimiro in Di tutti i colori

C’è una cosa che non mi va giù : che il migliore amico mio mi racconti le stronzate.
(Cesare – Alessandro Borghi)

Giorgio (Andrea Preti), figlio di papà e grande donnaiolo, dopo aver sperperato per anni i soldi del padre (Giancarlo Giannini), al culmine dell`ennesima lite familiare, decide di sfidare il genitore volendo dimostrare a tutti come solo grazie alle sue capacità imprenditoriali sarebbe stato capace di farsi strada nel mondo del lavoro, anche senza nessun aiuto da parte della famiglia.

Dopo aver risposto ad un annuncio trovato su di un quotidiano, Giorgio approda ad una casa di moda dove per poter fare carriera metterà in atto una serie di bugie, arrivando anche a farsi credere gay.

Tutto cambia quando Giorgio si innamora di Olga (Olga Pogodina), giovane donna russa venuta in Italia per ricoprire un ruolo importante all’interno della maison.

Olga, bella e sola, ha un unico difetto: odia i bugiardi. Da qui un luminoso groviglio di situazioni esplosive, equivoci e verità.

previous arrow
next arrow
PlayPause
Slider

 

Gli appassionati di belle storie d’amore dovranno sicuramente amare questo film che sembra quasi una favola moderna.

Fondamentalmente tutti abbiamo a che fare con le bugie, fin dall`infanzia. È un modo per salvarci la pelle, ma che può anche ferire e proprio per questo è importante la ricerca della verità.

La pellicola è scritta dal regista Max Nardari e dagli sceneggiatori Alba Calicchio e Daniele Malavolta, che hanno dato molto peso alla storia d’amore.

È sentimentale e demenziale, una commedia brillante e una farsa, ha tanti sapori e tanti colori che però non vengono trattati in modo scontato.

Attraverso i pretesti classici, vengono messe in scena delle “gag” esilaranti. L`assolutismo di qualche personaggio, la sceneggiatura che offre diverse letture, il cambiamento che i personaggi hanno nel corso della storia, sono alcuni capisaldi della commedia all’italiana e della commedia degli equivoci.

Il regista ha voluto riservare particolare attenzione alla fotografia, scenografia e costumi coloratissimi, per restare in tema con il titolo della pellicola.

Lo stile della ripresa predilige movimenti puliti e fluidi, e mantiene una sorta di eleganza anche nelle situazioni più surreali.

Le caratteristiche dei personaggi sono stati evidenziate in maniera divertente. Il regista Max Nardari spiega tecnicamente come ha voluto utilizzare carrellate veloci in avanti fino ad arrivare a dei primissimi piani che mettessero in evidenza le espressioni del viso degli attori, utilizzando inquadrature che potessero quasi esasperare le situazioni narrate.

Si nota la voglia di lavorare su un tipo di prodotto che esalta e quasi sfiora la favola, in modo quasi surreale ma anche attuale come le bugie.

Frutto di una produzione italo-russa e girato a Roma e a Mosca con un cast di attori di primo livello nel panorama italiano e russo, ha una fotografia e una scenografia che donano “luce” al tutto. Il regista riesce a dare un proprio spazio a tutti gli attori creando un’alchimia e tempi comici che fanno diventare il film un`opera molto divertente.

Di tutti i colori

Genere: Commedia

Interpreti: Andrea Preti, Olga Pogodina, Paolo Conticini, Nino Frassica, Giancarlo Giannini, Tosca D’Aquino, Luis Molteni, Armando Pizzuti, Roberto Carrubba, Larisa Udovichenko

Un film di: Max Nardari

Durata: 100 minuti

Data di uscita: 18 luglio 2019

REVIEW OVERVIEW
Buono
Previous articleSpider-Man: Far from Home
Next articleMidsommar – Il villaggio dei dannati
Nato a Piacenza ma romano di adozione. Laureato al DAMS e cinefilo da sempre. Appassionato di televisione e di teatro, dove ha collaborato come aiuto regista.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here