L’ora più buia

0
3
Winston Churchill e Re Giorgio VI in L`ora più buia

Non puoi ragionare con una Tigre quando la tua testa è nella sua bocca.
(Winston Churchill – Gary Oldman)

La vuoi smettere di interrompermi mentre ti sto interrompendo?
(Winston Churchill – Gary Oldman)

All`inizio del 1940 il Regno Unito è alle corde. La Germania di Hitler, dopo aver conquistato Polonia, Danimarca e Norvegia, ha invaso il Belgio e l`Olanda e sta avendo la meglio anche sulla Francia, assediando a Dunkirk 300.00 soldati inglesi che si battono coraggiosamente sul suolo francese contro i tedeschi.

Il Primo Ministro Neville Chamberlain, sotto le pressioni della Camera, si dimette e nasce un Governo di emergenza nazionale, alla cui guida si sceglie di mettere il litigioso Winston Churchill, non amato da Re Giorgio VI e dal Partito Conservatore. Ma le decisioni che Churchill prenderà si dimostreranno fondamentali per la salvezza dell`Europa dalla catastrofe.

Biografia e dramma storico che Joe Wright, creatore di Pan – Viaggio sull`Isola che non c`è (2015), Anna Karenina (2013), Espiazione (2007) e Orgoglio e Pregiudizio (2006), disegna sulla vita di uno dei personaggi più interlocutori che la Seconda Guerra Mondiale ci ha lasciato in eredità. Winston Churchill è stato già analizzato in passato dal mondo del cinema, e anche di recente lavori come Into the Storm – La guerra di Churchill (2009) o Churchill (2017) ci hanno detto altro della vita di questa figura amata e odiata allo stesso tempo. Se quindi da un certo punto di vista non ci c`era bisogno di un`ulteriore lavoro su Churchill, guardando le cose da un`ottica diversa diventa molto interessante analizzare come Wright ha voluto raccontare il personaggio. In primis sembra fondamentale dire che, contrariamente a quello che si potrebbe a prima vista pensare, questo non è un film su Churchill. Questo è, invece, un film su uno dei periodi più difficili della Gran Bretagna, periodo dove Churchill ha avuto un ruolo fondamentale e decisivo, periodo che però non si potrebbe raccontare solo narrando le gesta del nuovo Primo Ministro del Regno Unito. E in effetti l`impressione che questa storia lascia è quella di un grande documentario, girato da attori di grande livello, certo, ma adatto più ad una miniserie per il piccolo schermo che ad essere una pellicola di carattere cinematografico. Tutto quello che la pellicola guadagna perciò grazie a grandi interpretazioni – una su tutta quella di Winston Churchill, un Gary Oldman sontuoso, ambientazioni interne di ottimo livello e all`accurato studio storico effettuato ex ante, lo perde per dei legami troppo approssimativi tra le fasi di sviluppo della trama. Il regista sembra avere la percezione di riuscire a conquistare lo spettatore grazie a dialoghi forti e alla caratterizzazione estrema di Oldman, ma a conti fatti questo spesso non avviene, generando il film contrariamente ai suoi prodotti precedenti scarsa empatia. Tra le cose più interessanti di tutta la lavorazione troviamo il documentario (reale) di partenza e la persistente presenza di un sottile humor inglese che pervade un po` tutto ciò che accade. Più adatto per palati fini abituati a questo genere di pellicole, meno per lo spettatore comune.

[review]

[two_fifth][/two_fifth]

[three_fifth_last] L’ora più buia

Genere: BiograficiDrammatici, Storici

Interpreti: Gary Oldman, Kristin Scott Thomas, Lily James, Stephen Dillane, Ronald Pickup. «continua Ben Mendelsohn, Richard Lumsden, Philip Martin Brown, Brian Pettifer, Jordan Waller, Charley Palmer Rothwell, Nicholas Jones, Hannah Steele, Jeremy Child

Un film di: Joe Wright

Durata: 125 minuti

Data di uscita: 18 gennaio 2018

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here