L’hotel degli amori smarriti

0
605
Maria Mortemart e Richard Warrimer 20enne in L`hotel degli amori smarriti

Richard Warrimer: Da quant`è he ti dai a questi piccoli svaghi extraconiugali?
Maria Mortemart: È la legge delle coppie che durano, nessuna esclusa.
Richard Warrimer: in 25 anni io non ti ho mai tradita.
Maria Mortemart: Richard, Richard!
(Richard Warrimer e Maria Mortemart – Benjamin Biolay e Chiara Mastroianni)

Il matrimonio tra Maria Mortemart e Richard Warrimer va avanti ormai da 25 anni. Quando una sera Richard scopre che Maria ha come amante un suo studente universitario resta sconvolto, e la donna va via di casa per andare a stare nell`hotel di fronte al loro appartamento.

La stanza 212 la accoglie a braccia aperte, e dalla finestra della stanza Maria diventa capace di vedere come si comporta suo marito davvero: questo diventa il tempo delle riflessioni, che Maria farà con l`aiuto di tanti nuovi, vecchi amici.

previous arrow
next arrow
Slider

 

Commedia surreale ad alto tasso erotico che sfocia poi nel dramma, e che ha fatto vincere a Chiara Mastroianni, interprete della protagonista Maria, il premio Un Certain Regard – Best Actress di Cannes 2019. Chiara interpreta bene il suo ruolo, anche se il premio avuto è probabilmente eccessivo per quella che è la performance dell`attrice. In questo senso, il regista Christophe Honoré in modo furbo inserisce molti micro momenti di nudo quasi integrale del corpo di Maria per tenere alta l`attenzione dello spettatore maschio, magari stanco del suo matrimonio nel quale non consuma da tempo alcuna sessualità esattamente come succede nella coppia al centro della storia. Se andiamo a ripulire tutta quanta la pellicola da questi momenti, inclusi quelli dove ci si aspetterebbe di vedere qualcosa per la scaltra provocazione di corpi in vestizione/svestizione messa in campo, quello che resta è una trama semplice ed essenziale, che parla di un matrimonio in crisi, di una donna maniaca del sesso con altri anche perché con il marito si è rotto qualcosa, delle differenze tra quando eravamo ventenni e quando invece siamo cinquantenni, del valore di avere un figlio e di quello di cambiare orientamento sessuale, e tanto altro ancora. Il tutto purtroppo non conquista tanto emerge leggero e distaccato dalla realtà, e anche se il regista ci dice che quello che vediamo è essenzialmente un sogno, questo non ha la forza di conquistare lo spettatore, a parte quello troppo sofisticato o paradossalmente quello troppo semplice, due estremi di una stessa medaglia in questo caso. Trucco non eccelso e ambientazioni non di altissimo livello per un prodotto che raggiunge appena la sufficienza.

L’hotel degli amori smarriti

Genere: Commedia, Erotici, Drammatici

Interpreti: Chiara Mastroianni, Benjamin Biolay, Vincent Lacoste, Kolia Abiteboul, Camille Cottin, Carole Bouquet, Stéphane Roger, Harrison Arevalo, Marie-Christine Adam, Claire Johnston, Gabriel Onnée, Clara Choï, Antony Moro, Nassim Rachi, Tommy Schlesser, Charlie Morgan, David Sauderais, Anthony Fulrad, Victor Bergeon, Selim Zahrani, Nabil Taleb, Anthony Devaux, Cyril Metzger, Nathan Lepiller, Claudine Gayet

Un film di: Christophe Honoré

Durata: 86 minuti

Data di uscita: 20 Febbraio 2020

REVIEW OVERVIEW
Sufficiente
Previous articleBirds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn
Next articleCriminali come noi
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here