Captain Marvel

0
854
Captain Marvel / Carol Danvers / Vers in Captain Marvel

L’invasione spaziale, il grande inseguimento in macchina … a dire il vero, ero pronto per appenderlo. Fino a quando ti ho incontrato oggi.
(Nick Fury – Samuel L. Jackson)

Continuo ad avere questi … ricordi. Vedo dei bagliori Penso di avere una vita qui. Ma non posso dire se è reale.
(Carol Danvers / Vers / Captain Marvel – Brie Larson)

Carol Danvers: Cos’è questo?
Nick Fury: è uno scudo logo.
Carol Danvers: Annuncia la tua identità aiutando con la parte segreta del lavoro?
Nick Fury: … ha detto il soldato spaziale che indossa un vestito di gomma
(Carol Danvers / Vers / Captain Marvel e Nick Fury – Brie Larson e Samuel L. Jackson)

Questa pellicola, una sorta di prequel che spiega le origini del mondo degli Avengers, è decisamente un film inconsueto per la Marvel.

Innanzitutto il personaggio principale, nonché eroe della storia, è una donna: Vers, interpretata dal premio Oscar Brie Larson, è una guerriera di Hala, capitale dell’impero Kree, membro della Starforce dei più esperti combattenti. Ella è stata addestrata dallo stimato mentore e comandante Kree Yon-Rogg, interpretato da un algido Jude Law, con l’intento di governare le proprie emozioni e soprattutto di tenere a bada i propri superpoteri: anche questo è un tratto insolito per la Marvel, che non ha deciso di iniziare la storia raccontando di come la protagonista abbia ottenuto i poteri e abbia dovuto “sudare” per meritarli e saperli controllare, come per gli altri personaggi della crew. Qui l’eroina è perfettamente conscia della sua forza fisica e interiore, ma è turbata da alcuni ricordi confusi sulla sua reale identità, alimentati dai continui incontri con la Suprema Intelligenza, il leader dei Kree, incarnata dall’attrice Annette Bening.

previous arrow
next arrow
PlayPause
Slider

 

Si tratta inoltre di un periodo storico mai visto prima nell’universo della DC Comics: la prima missione di Vers infatti, che scoprirà essere Carol Danvers, pilota della US Air Force, è quella di combattere sul pianeta Terra contro i temibili Skrull, che hanno la capacità di mutare forma, e più precisamente contro la loro guida Talos (Ben Mendelsohn).

Sulla Terra siamo nei fantastici anni ’90: qui la tecnologia è molto più indietro rispetto a quella dei Kree, ma a poco poco con l’aiuto di Nick Fury (un Samuel L. Jackson ringiovanito digitalmente), agente dello Shield alle prime armi e ancora provvisto di entrambi gli occhi, accompagnato da un timido Phil Colson, Carol riuscirà a ricordare le proprie origini di terrestre e a capire che i Kree non sono “i nobili guerrieri” che credeva, ma le hanno cancellato senza scrupoli la memoria in seguito ad un incidente aereo in cui era rimasta vittima: finalmente ella intuisce l’origine dei suoi poteri.

Il capo dell’aeronautica militare per cui lavorava era la Kree Mar-Vell (Annette Bening in duplice ruolo), creatrice di una potente arma che avrebbe concluso la guerra galattica tra Kree e Skrull (i quali in fondo cercavano solo una casa), ma Carol, distruggendola per non farla cadere nella mani dei Kree, ne assorbe l’energia acquisendone i poteri.
Il film, scritto e diretto da Anna Boden e Ryan Fleck, è decisamente rivoluzionario per il mondo dei supereroi e sicuramente politicamente influenzato, femminista e volto all’integrazione razziale, argomento di grande contemporaneità visti i muri che si vorrebbero erigere sui confini di stato.

Da donna non posso che apprezzare a pieno che il personaggio di punta sia la combattente Captain Marvel, la quale dopo tante cadute e rialzate è riuscita a credere in se stessa affrontando le difficoltà tipiche femminili e a diventare una figura positiva a cui ispirarsi, nonché forse il personaggio più potente del mondo Marvel, che predilige la pace universale alla guerra, schierandosi dalla parte dei migranti.

Un cinema al femminile anche per gli altri ruoli forti interpretati dal resto del cast, tra cui la fedele e valorosa amica e pilota Maria Rambeau (Lashana Lynch), con la sua simpatica e perspicace figlia; inoltre non è un caso se le canzoni utilizzate per la splendida colonna sonora anni ’90 siano quasi tuttte interpretate da donne, come per esempio “Just A Girl” di Gwen Stefani dei No Doubt.

Il ritmo del film e la sceneggiatura sono avvincenti e rendono la pellicola davvero godibile, scandita da momenti di riflessione più profondi alternati ad istanti di humour leggeri e divertenti, tra tutti gli esilaranti sketch del misterioso gatto Goose; forse qualche incertezza dal punto di vista tecnico sulla realizzazione delle scene d’azione, ma credo che i registi abbiamo privilegiato questa volta il messaggio, in evidente linea con il resto di Hollywood, piuttosto che gli effetti speciali, che comunque sono assolutamente di ottima realizzazione.

Infine, personalmente ho trovato davvero gradevoli i richiami anni ’90, come la citazione del fortunato telefilm Willy, Il Principe Di Bel-Air (1990-1996) o l’ambientazione di una scena in un tipico negozio Blockbuster e le battute sulla lentenza dei computer… pura nostalgia!

Captain Marvel

Genere: Azione, Avventura, Fantascienza

Interpreti: Brie Larson, Samuel L. Jackson, Ben Mendelsohn, Jude Law, Annette Bening, Lashana Lynch, Clark Gregg, Rune Temte, Gemma Chan, Algenis Perez Soto, Djimon Hounsou, Lee Pace, Chuku Modu, Matthew Maher, Akira Akbar, Azari Akbar, Kenneth Mitchell, Stephen A. Chang, Pete Ploszek, Mark Daugherty, Vik Sahay, Sharon Blynn, Mckenna Grace, London Fuller, Colin Ford, Stan Lee, Marilyn Brett, Diana Toshiko, Robert Kazinsky, Emily Ozrey, Abigaille Ozrey, Gil De St. Jeor, Matthew Bellows, Richard Zeringue, Barry Curtis, Nelson Franklin, Patrick Brennan, Patrick Gallagher, Duane Henry, Ana Ayora, Stanley Wong, Auden L. Ophuls, Harriet L. Ophuls, Matthew ‘Spider’ Kimmel, Stephen ‘Cajun’ Del Bagno, Lyonetta Flowers, Rufus Flowers, Reggie, Gonzo, Archie, Rizzo, Don Cheadle, Chris Evans, Scarlett Johansson, Mark Ruffalo, Amir Abdalla, Jay Arthur, Gaige Chaturantabut, Joey Courteau, Callie Rose Deets, Andre Franco, John Gettier, Adam Hart, James Hatten, DJ Jenkins, Kevin M. Kelly, Alvaro Laborin, Bethany Levy, Anthony Molinari, James Morrison, Vinny O’Brien, Damon O’Daniel, Mel Powell, Eddy Rome, Connor Ryan

Un film di: Anna Boden, Ryan Fleck

Durata: 124 minuti

Data di uscita: 6 marzo 2019

REVIEW OVERVIEW
Da Vedere
Previous articleEscape Room
Next articleNon sposate le mie figlie 2
Carola Jasmins, artista italo-canadese, che vive tra Londra, Roma e Toronto, è un'appassionata di cinema da sempre. E' stata ballerina per molti anni, esibendosi in famosi teatri romani; durante gli studi in architettura, coltiva il suo amore per la musica studiando canto e cominciando a scrivere brani musicali. Oggi, cantante e compositrice, collabora con diversi artisti realizzando dischi internazionali soprattutto in inglese per il Buddha Bar, Radio Monte Carlo, la Sony ecc. e sperimenta diversi generi musicali, come il pop, la dance, la lounge, l'elettronica e il jazz. Presto uscirà il suo progetto musicale personale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here