Home / Drammatici / Chiamami col tuo nome

Chiamami col tuo nome

Oliver: Esiste qualche cosa che non sai?
Elio: Io non so niente, Oliver.
Oliver: Beh, sembri sapere più di chiunque altro qui intorno.
Elio: Beh, se tu solo sapessi quanto poco so delle cose che contano veramente.
Oliver: Quali “cose che contano”?
Elio: Lo sai quali cose.
Oliver: Perchè mi stai dicendo questo?
Elio: Perchè ho pensato che lo avresti dovuto sapere.
Oliver: E perchè hai pensato che lo avrei dovuto sapere?
Elio: Perchè volevo che tu lo sapessi.
Elio: [a se stesso] Perchè volevo che tu lo sapessi. Perchè volevo che tu lo sapessi. Perchè volevo che tu lo sapessi.
Elio: [a Oliver] Perchè non c`è nessun altro a cui io potrei dire questo ad eccezione di te.
Oliver: Stai dicendo quello che penso tu stia dicendo?
Oliver: Aspettami qui. Non te ne andare.
Elio: Lo sai che non me ne vado da nessuna parte.
(Oliver ed Elio – Armie Hammer e Timothée Chalamet)

Prof. Perlman: Fammiti dire una cosa ancora. È chiaro nell`aria. Potrei esserci arrivato vicino, ma non ho mai avuto quello che avete avuto voi due insieme. Qualcosa mi ha sempre frenato o fatto tornare indietro dal prendere quella strada. Come vivi la tua vita è una tua cosa privata, solo ricordati che i nostri cuori e i nostri corpi ci vengono dati una volta sola. E prima che tu te ne renda conto, il tuo cuore si consuma e, come per il tuo corpo, arriverà un momento in cui a nessuno importerà più di questo, e ancora meno vorrà venirti vicino. Ora ci sono pena e dolore. Non li eliminare, e con loro tutta la gioia che hai provato.
Elio: Mamma lo sa?
Prof. Perlman: Penso di no.
(Prof. Perlman ed Elio – Michael Stuhlbarg e Timothée Chalamet)

Chiamami con il tuo nome e io ti chiamerò con il mio.
(Oliver – Armie Hammer)

L`estate del 1983 è particolarmente calda e afosa nella campagna delle province di Bergamo e Brescia. Il giovane Elio ha 17 anni, e vive con il padre, il Prof. Perlman, e con la madre Annella nella loro villa risalente al XVII secolo. Questo, almeno, fino all`arrivo di Oliver, dottorando di ricerca seguito dal padre presso la sua cattedra universitaria.

Oliver ha 24 anni, è bello e piace a tutte le ragazze della zona. Ma Oliver, allo stesso tempo, diventa un elemento di interesse anche per Elio, che giorno dopo giorno sente un forza crescente attrarlo verso quell`americano dal sorriso perenne. Oliver dal canto suo non allontana Elio, e il ragazzo inizia un gioco che lo porterà finalmente a conoscere se stesso.

Dramma romantico diretto dal nostro Luca Guadagnino che vanta già 3 nomination ai Golden Globes ed è incentrato sul rapporto tra i 2 protagonisti Oliver ed Elio. Quello tra i giovani è un rapporto che sale e cresce piano piano, un viaggio con passo lento ma forte e inesorabile diretto per il meno maturo dei due alla sempre più profonda scoperta del proprio livello di omosessualità maschile. Perchè a volte un`amicizia tra persone dello stesso sesso, anche se ci si vuole bene, resta tale, mentre altre riceve una spinta così forte da dover necessariamente trasformarsi in qualcosa di diverso, arrivando a sorprendere anche coloro che certi sentimenti li provano sulla loro pelle. Non a caso in questo senso fanno scuola le parole che verso la fine della pellicola Elio riceve dal padre, un bravo e maturo Michael Stuhlbarg.

I nostri cuori e i nostri corpi ci vengono dati una volta sola.

Sulla base di questo e altri concetti inizia l`amicizia tra Oliver ed Elio, entrambi con muri diversi attorno a loro. Forme di comunicazione tra 2 persone che non vogliono comunicare a parole chi sono e cosa sentono diventano tipi d`arte come cultura, letteratura, musica, natura e via dicendo, nelle quali Oliver ed Elio si trovano in un perenne scontro di sentimenti già presenti dentro di loro. Senza saperlo – quantomeno il più giovane dei due – stanno già insieme, solo che non se lo sono mai detto esplicitamente, anche per colpa di una società intorno a loro pronta a giudicarli a muso duro. Perchè questo Guadagnino non lo cita mai esplicitamente, ma con alcune immagini che si vedono nel film come la croce della chiesa, i manifesti politici dell`allora Pentapartito o un video in televisione dove appare un giovane Beppe Grillo fanno proprio ricordare come fosse strutturata la società del passato. La sessualità in questo prodotto è visibile ma resta così sobria e delicata da non dare alcun fastidio, contribuendo invece insieme alle cose citate precedentemente a dare una fotografia di un modo di vivere del passato con stili e tempi diversi, non invasi da telefonini e strumenti informatici. Bella e incalzante la musica di sottofondo se presente, e quando non presente ottimi rumori e suoni, molto naturali e veri. Affascinante e un po` distante come sempre Armie Hammer, in una parte, quella di Oliver, che si adatta bene alle sue caratteristiche. Una rivelazione Timothée Chalamet nel ruolo di Elio: super sensibile, arguto, pieno di sentimenti, energia e passione. Interessante poi la scelta delle 3 lingue presenti nella trama, che diventano insieme ai luoghi mostrati un grande spot turistico per la zona del Garda e tutte le aree delle 2 province menzionate. In fondo, attorno a tutto ruota il fattore tempo, così come nelle vite di ognuno di noi, e lo ricorda bene Elio ad Oliver, anche se poi è stato proprio Elio a non essere stato in grado di riconoscere in anticipo i tanti segnali inviategli dallo stesso Oliver. Forse per il troppo silenzio. Forse per la troppa paura. Forse per i troppi pensieri. Perchè il silenzio, come la paura, uccide. E, ad eccezione delle questioni lavorative, anche pensare troppo uccide. Ricordiamocelo sempre, tutti.

Oliver: Esiste qualche cosa che non sai? Elio: Io non so niente, Oliver. Oliver: Beh, sembri sapere più di chiunque altro qui intorno. Elio: Beh, se tu solo sapessi quanto poco so delle cose che contano veramente. Oliver: Quali “cose che contano”? Elio: Lo sai quali cose. Oliver: Perchè mi stai dicendo questo? Elio: Perchè …

Review Overview

AMAZING STARS

Da Vedere

Summary : Dramma romantico diretto dal nostro Luca Guadagnino che vanta già 3 nomination ai Golden Globes, e incentrato in primis sul rapporto tra i 2 protagonisti Oliver ed Elio e sul loro perenne scontro di sentimenti. Ottimi rumori, suoni e musica. Grande spot turistico per il Lago di Garda e zone limitrofe.

User Rating: 4.55 ( 1 votes)
78
Chiamami col tuo nome

Genere: Drammatici, Romantici

Interpreti: Armie Hammer, Timothée Chalamet, Michael Stuhlbarg, Amira Casar, Esther Garrel, Victoire Du Bois

Un film di: Luca Guadagnino

Durata: 132 minuti

Data di uscita: 25 gennaio 2018

About Daniele Buzzurro

Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close