Caccia al tesoro

0
57
Domenico Greco e Rosetta in Caccia al Tesoro

Anche in teatro, come nella vita, le cose finte possono diventare vere.
(Domenico Greco e Rosetta – Vincenzo Salemme e Serena Rossi )

Domenico Greco (Vincenzo Salemme), naviga nei debiti e vive a sbafo in casa della cognata Rosetta (Serena Rossi) che è vedova del fratello. Domenico è un attore teatrale di totale insuccesso e con tanti problemi, ma si prende a cuore la situazione del suo unico nipote, figlio di Rosetta e di suo fratello, che soffre di cuore e si deve fare operare in America. L’operazione costa 160.000 euro ma né RosettaDomenico possiedono una tale cifra.
Vanno, allora, in chiesa a chiedere una grazia a San Gennaro, e cioè il permesso di prendere a fin di bene una gemma della Sua Mitra. Il santo risponde, con loro grande stupore: si, lo potete fare, vi do via libera. La voce che ascoltano è in realtà quella lontana di un posteggiatore. Voce che entra nella navata della chiesa da una finestra dietro all’altare, ma i protagonisti, ignari e sorpresi, sono confortati dall’inaspettato consenso ed iniziano, così, a progettare il furto.
Poco distante da loro c’è Ferdinando (Carlo Buccirosso), venuto anche lui a chiedere una grazia. Ascolta tutta la conversazione e gli obbliga a prenderlo come socio nell’operazione, così come lo saranno presto anche i due ladri romani Cesare (Max Tortora) e Claudia (Christiane Filangeri), da loro sorpresi a tentare di rubare il tesoro che intanto, però, è sparito e trasportato a Torino per essere esposto ad una mostra.
Tutti si dirigono verso il nord per proseguire nel loro piano e a loro si unirà il figlio di Ferdinando, Gennarino (Gennarino Guazzo), affidatogli dalla ex-moglie, che si rivelerà presto molto sveglio e perciò utilizzato nella pianificazione del furto.
Una serie di equivoci ed impedimenti vari che sono gli ingredienti di un genere che oggi non si pratica più tanto, ma che è stato a lungo un caposaldo della commedia italiana attraverso tanti film che raccontano, in maniera molto divertente, la preparazione e l’esecuzione di un colpo grosso, come ad esempio 7 uomini d’oro (1965) di M. Vicario, oppure una storia alla Monicelli, tipo I Soliti Ignoti (1958), incentrato su persone sprovvedute coinvolte in un’impresa più grande di loro. Anche se si ride molto, c’è una forte disperazione di fondo.
Pellicola ambientata a Napoli come tesoro nazionale, dove i fratelli Carlo ed Enrico Vanzina hanno voluto celebrare il loro padre Steno, che è stato il regista di tantissimi attori napoletani, da Totò a Peppino de Filippo fino ad arrivare a Bud Spencer, anche lui napoletano. Grande omaggio, quindi, a quella Napoli che è ma non si racconta più come centro della comicità italiana, del suo senso di appartenenza, della furbizia mista a disperazione, ma sempre con allegria. Il filone “ladri” viene mantenuto, ed è divertente il meccanismo in cui i buoni diventano cattivi, seppur a fin di bene, e questi ultimi diventano buoni. Favola realistica, perciò, in cui si mischia la comicità che si inserisce a pieno titolo nella tradizione della Commedia Comica Napoletana. Tema della finzione: la vita è teatro ed il teatro è vita. Questo è un nucleo molto importante che viene svolto nel film con ironia, mentre a volte il detto la vita è tutta un teatro, viene pronunciato con amarezza, mentre qui sembra ci sia un volare liberi e leggeri. È un lavoro che porta con se il piacere di fare riferimenti a grandi attori e registi del passato, cosa non nuova per i fratelli Vanzina, con tante citazioni omaggio, che riguardano soprattutto Operazione San Gennaro (1966), girata a Napoli da Dino Risi con Nino Manfredi e Totò. Non a caso, infatti, la terrazza della casa di Rosetta è la stessa dove Nino Manfredi, prendendo il sole, progettava il furto del tesoro del Santo. Infine, per la prima volta in un film di Vanzina la coppia Salemme/Buccirosso, che ha portato un valore aggiunto data l’alchimia ed i tempi comici che li fanno considerare i Totò e Peppino dei giorni nostri.

[review]

[two_fifth][/two_fifth]

[three_fifth_last] Caccia al tesoro

Genere: Commedia

Interpreti: Vincenzo Salemme, Carlo Buccirosso, Christiane Filangieri, Gennaro Guazzo, Francesco Di Leva, Benedetto Casillo, Serena Rossi, Max Tortora, Lorenza Veronica, Enzo Casertano

Durata: 90 minuti

Un film di: Carlo Vanzina

Data di uscita: 23 novembre 2017

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here