Brothers

0
43
Sam e Grace in Brothers

Solo i defunti hanno conosciuto la fine della guerra.
(Sam Cahill – Tobey Maguire)

L’orgoglio è un peccato.
(Tommy Cahill – Jake Gyllenhaal)

Io ho visto la fine della guerra ma ho una domanda: “Riuscirò a tornare alla vita?”
(Sam Cahill – Tobey Maguire)

E’ difficile … non lo sento. Se è morto, non dovrei riuscire a sentirlo?
(Grace Cahill – Natalie Portman)

Sam Cahill e Tommy Cahill sono due fratelli estremamente diversi. Il primo, maggiore d’età, è una persona calma e con la testa sulle spalle. Sposato con la splendida Grace e padre di due belle bambine, Sam è un soldato esemplare che si è sempre distinto in azioni militari complesse e piene di responsabilità da assumersi. Il secondo, di contro, ha un passato di piccoli reati, notti in carcere e facilità ad essere brillo. In mezzo a loro, un anziano padre veterano del Vietnam che li ha cresciuti in modo duro e inflessibile.

Tutto cambia, però, quando Grace viene informata che Sam è morto in un’azione militare. Dopo lo sbandamento iniziale da parte di tutti, Grace cerca di ricostruire del tutto la sua vita e Tommy prova a stare vicino a lei e alle piccole in modo fraterno. Questo la farà innamorare del giovane ma, proprio quando le cose sembrano essersi finalmente sistemate, Sam ritorna: salvatosi dalla prigionia in Afghanistan, pretende di riavere sua moglie e l’aria diventerà a dir poco tesa.

Dramma di guerra che vira con il passare dei minuti verso il thriller, merito di un regista, Jim Sheridan, che ha davvero una notevole esperienza nella realizzazione di film complessi e molto, molto pesanti. Il triangolo amoroso che senza volerlo si viene a creare tra Sam, Grace e Tommy diventa qualcosa di sempre più pesante e coinvolgente ogni minuto che passa. Sullo sfondo il tema della guerra, che per l’America è da sempre un peso rappresentato dalla guerra in Vietnam e da quella in Afganistan e Iraq. Il meraviglioso e folle Tobey Maguire alias Sam riesce a comunicare in modo perfetto la differenza tra l’uomo sicuro e forte dell’inizio e il folle e instabile ragazzo della parte finale della trama. A lui si contrappone un Jake Gyllenhaal alias Tommy, forse non eccezionale ma concreto e pratico nell’interpretazione del proprio ruolo, e capace di esprimere la sua sofferenza al massimo. Tra loro Natalie Portman alias Grace, una donna vera, forte ma bisognosa di qualcuno vicino, qualcuno che possa avere la forza di essere uomo, uomo davvero per lei e per le sue figlie. La domanda che il finale lascia aperta – se Sam ce la possa fare o meno – è l’unico punto poco riuscito di questa pellicola per il resto ben fatta. Colpiscono molto due parti minori per motivi diversi: fenomenale Sam Shepard nei panni del vecchio padre che è stato in Vietnam, in grado di passare da un tipo di giudizio all’altro in modo molto maturo e vero; bella, brava e dal futuro assicurato Carey Mulligan, che qui fa la giovane moglie di un marine morto e che in questa storia era ad una delle sue prime vere apparizioni di rilievo. Altre scene che colpiscono parecchio sono quella della telecamera bruciata sulla quale è girata la ripresa di uno dei momenti più difficili della trama da parte degli afgani e quella della bambina che dice al padre cose false su sua madre e suo zio pur di far sì che le cose vadano per il verso giusto. Un film che fa pensare, una storia da vedere che forse ha qualche buco qua e là, ma non mancherà di far sentire tutti più vicini con chi quelle guerre le ha vissute davvero.

[review]

[two_fifth]Brothers - Locandina

[/two_fifth]

[three_fifth_last]Brothers

Genere: Drammatici, Guerra, Thriller

Cast: Natalie Portman, Tobey Maguire, Jake Gyllenhaal, Bailee Madison, Taylor Geare, Patrick Flueger, Sam Shepard, Mare Winningham, Clifton Collins Jr., Josh Berry, Carey Mulligan, Jenny Wade

Un film di: Jim Sheridan

Durata: 108 minuti

Data di uscita: 23 dicembre 2009

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here