Billy Lynn – Un Giorno da eroe

0
30
Billy Lynn in Billy Lynn - Un Giorno da Eroe

La tua storia, Billy, non ti appartiene più. Appartiene all`America ora.
(Norm Oglesby – Steve Martin)

Billy Lynn è un giovane soldato degli Stati Uniti che si trova improvvisamente ad essere un eroe insieme ai suoi compagni del Reparto Bravo per una dura battaglia svolta in Iraq. Premio per i ragazzi è quello di tornare in patria per svolgere un tour promozionale per farli conoscere al grande pubblico.

Ma la battaglia non è stata dimenticata affatto da Billy, che si trova ad avere continui flashback sia su quello che è successo nei campi di battaglia, che sul suo rapporto con i vari membri della sua famiglia, e in particolare con la sorella Kathryn. Tutto questo esploderà durante una partita di football a cui i ragazzi sono stati invitati ad assistere dal proprietario della squadra di Dallas.

Dramma di guerra che entra di diritto dopo Taxi Driver (1976), Il cacciatore (1978), Rambo (1982), American Sniper (2015) e tanti altri nel filone dei film sui reduci Americani delle guerre del Vietnam, dell`Afganistan e dell`Iraq. Qui però il fuoco è leggermente diverso. Il regista Ang Lee mette sì al centro Billy, ma solo come occhi e orecchie del mondo che si trova a visitare di nuovo, un mondo, quello gli abitanti degli States, che non comprende cosa è la guerra e ne ha una visione distorta, frutto paradossalmente proprio di molti dei film a cui si lega questa stessa pellicola. Ed è questo il primo tallone d`achille di una storia ben scritta ma con un ulteriore problema di fondo e alcune lacune di base. Parlando del problema mi riferisco al messaggio contenuto nella trama e alla fine del film, cioè che c`è più rispetto della persona umana nei teatri di guerra e nella zona mediorientale rispetto a quanta ce ne è negli Stati Uniti, dove gli abitanti sono vittima dei mass media che praticano loro un lavaggio del cervello quotidiano. Non so quanti di voi abbiano visitato certe aree di mondo, ma questo non è sostanzialmente vero. Forse a livello culturale in certe zone esiste un maggiore rigore morale, culturale e religioso che porta un rispetto superiore della persona di quello occidentale, ma da qui a dire che siano posti dove si desidera andare ci passano km. La storia però recupera molti punti sull`autoironia di cui è condita, facendo una fotografia precisa dello show business americano collegato agli ambienti militari. Questo non basta purtroppo a rendere il film un grande film, ma ne permette una sua godibilità di fondo, il che non è poco considerando anche anche gli attori presenti non forniscono prove eccelse, a parte forse Garrett Hedlund alias Dime e soprattutto un ritrovato Steve Martin alias Norm Oglesby che riesce ad essere estremamente convincente in ciò che dice e in come lo dice. Buono nella parte Vin Diesel, decisamente sottotono la superstar Kristen Stewart. Interessante anche se un pò all`antica l`interazione che gli attori mettono in campo usando strumenti mobile, abbiamo visto decisamente di meglio. Consiglio il film a chi ama i film di guerra e vuole allo stesso tempo farsi un`idea più precisa di quello che può capitare a chi diventa un vero eroe. Buono.

[review]

[two_fifth]Billy Lynn - Un giorno da eroe - Locandina

[/two_fifth]

[three_fifth_last] Billy Lynn – Un Giorno da eroe

Genere: Drammatici, Guerra

Interpreti: Joe Alwyn, Kristen Stewart, Chris Tucker, Garrett Hedlund, Makenzie Leigh, Vin Diesel, Steve Martin, Deirdre Lovejoy, Ben Platt, Tim Blake Nelson, Beau Knapp

Durata: 113 minuti

Un film di: Ang Lee

Data di uscita: 2 Febbraio 2017

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here