Il dubbio – Un caso di coscienza

0
9
Moosa in Il dubbio - un caso di coscienza

Kaveh Nariman: La causa del decesso è sconosciuta. È morto alle 3 del mattino sulla strada per l`ospedale.
Leila: Di chi è il figlio?
Kaveh Nariman: Di una persona che conosco.
(Kaveh Nariman e Leila – Amir Aghaee e Zakieh Behbahani)

Il Dr. Kaven Nariman, medico legale dell`unico ospedale di Teheran autorizzato ad eseguire controlli sui cadaveri, per sbaglio di notte si scontra con un motorino su cui viaggiava una famiglia con due bambini. Uno dei due piccoli cade a terra sbattendo la testa ma per fortuna non è nulla di grave, e Kaven torna a casa sereno, anche se la famiglia del giovane non segue il suo consiglio e non si reca in ospedale per dei controlli.

Tornato al lavoro, è grande la sua sorpresa quando si accorge che nella lista dei cadaveri da analizzare c`è anche quello del bimbo caduto a terra sera prima. La diagnosii che viene fatta sul cadavere è di morte per aver ingerito un forte veleno chiamato botulino, ma Kaven è roso dal dubbio che la colpa di tutto possa essere la sua. Come uscire al meglio dala situazione?

Dramma del regista iraniano Vahid Jalilvand acclamato nel suo Paese e ben visto anche all`Estero ricevendo anche il Premio Orizzonti per la Miglior Regia al Festival del Cinema di Venezia 2017. Molte le contrapposizioni presenti nella trama, impostata proprio per evidenziare le differenze e gli estremi di una galassia estremamente articolata come quella della democrazia teocratica della Persia. Prima contrapposizione che si nota è quella luce versus buio, con la sgargiante illuminazione dell`ospedale e il buio nero delle strade notturne di Teheran. La seconda è legata all`ineguaglianza sociale, con il protagonista, benestante medico, che guida una macchina che viene contrapposta al rozzo e rovinato motorino che guida Moosa, padre di famiglia senza soldi ottimamente interpretato da Navid Mohammadzadeh. La terza rappresenta le forti differenze tra la cultura iraniana di ieri, ancorata a visioni della vita ormai passate, e quella di oggi, che cerca giorno dopo giorno di affrancarsi da quelle stesse visioni provando a mantenerne il lato buono a livello di tradizioni. Tutto questo offre un`interessante fotografia della medicina in IRAN, con anche alcuni squarci da non sottovalutare su temi quali la violenza domestica, la vendita illegale di cibo avariato e gli accordi tra centri di potere locali per mettere a tacere tutto. Ma al netto del resto e di qualche imprecisione e sbavatura che la pellicola presenta – poco credibile paradossalmente la figura principale mentre estremamente centrate tutte le altre – è stato un errore cancellare il titolo originale che presentava il punto del regista. In questa lavorazione, infatti, nulla è segnato, niente è registrato e non ci sono date precise, ed è anche questa confusione che il regista voleva presentare, perchè, forse, è il vero aspetto dell`IRAN che non troppi hanno mai raccontato. Buono.

[review]

[two_fifth][/two_fifth]

[three_fifth_last] Il dubbio – Un caso di coscienza

Genere: Drammatici

Interpreti: Navid Mohammadzadeh, Amir Aghaee, Hediyeh Tehrani, Zakieh Behbahani, Saeed Dakh, Alireza Ostadi

Un film di: Vahid Jalilvand

Durata: 104 minuti

Data di uscita: 10 Maggio 2018

[/three_fifth_last]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here