Giochi di potere

0
575
Pasha e Michael Sullivan in Giochi di potere

La prima regola in democrazia è che la verità non deve basarsi sui fatti, ma sul consenso generale
(Pasha – Ben Kingsley)

Rasnetsov: Buongiorno, apprezziamo molto il lavoro che sta svolgendo per il popolo iracheno.
Michael: Non deve ringraziarmi, faccio la cosa giusta.
Rasnetsov: Le auguriamo una buona serata allora.
Michael: Non dimentichi la busta.
(Rasnetsov e Michael – Brian Markinson e Theo James)

Hanno una lista contenente i nomi delle persone che ricevono soldi da Saddam.
(Nashim – Belçim Bilgin)

Il padre di Michael Sullivan, di professione diplomatico, viene ucciso quando lui è ancora piccolo e questo contribuisce a farlo crescere con il desiderio di emulare e anche migliorare la carriera del genitore defunto.

Idealista e pieno di voglia di fare, riceve il compito di coordinare sul campo il programma Oil for Food in Iraq, programma il cui direttore è Pasha, sottosegretario delle Nazioni Unite. Al rispetto per il grande onore ricevuto fa da contraltare dentro di lui il sospetto sempre piu forte che dentro al programma la corruzione sia forte, e che tutto non nasca da Saddam Hussein ma proprio dall`ONU.

previous arrow
next arrow
PlayPause
Slider

 

Thriller e dramma storico, tratto dal noto libro Backstabbing for Beginners: My Crash Course in International Diplomacy di Michael Soussan, che presenta degli aspetti positivi e altri negativi. Vedendo prima questi ultimi, la trama è troppo lunga – non in senso assoluto ma certamente per come è costruito il prodotto – e la pellicola procede in una maniera troppo lenta, dando sì degli intermittenti strappi, in particolare nella sua parte finale, ma restando nella prima metà poco coinvolgente. A questo però fa da contraltare una tematica analizzata benissimo come raramente abbiamo visto fare prima di questa lavorazione e, se facciamo l`eccezione della storia d`amore che sembra quasi un atto dovuto vista la ricerca di un pubblico di massa, una delle migliori spy story diplomatiche degli ultimi anni. Anche perché nulla nel film è finzione, e anzi il racconto si basa su tantissimi fatti realmente accaduti e su come si è arrivati a scoprire uno dei più grandi scandali che abbia mai colpito le Nazioni Unite, quello della gestione della campagna Oil for Food appena dopo la Prima della Guerra del Golfo. Bravo Ben Kingsley nel ruolo di Pasha, e bravo Theo James in quello del protagonista; interessante anche seguire come si sviluppa il rapporto di forza tra i due durante tutto lo svolgimento della storia. Storicamente valido anche il riferimento al dramma vissuto in tanti decenni dal popolo curdo, qualcosa a cui non sempre si da il giusto valore ricordandolo come meriterebbe essere fatto. Nel complesso, quindi, un prodotto buono e gradevole, in particolare per il rush finale.

Giochi di potere

Genere: Drammatici, Storici, Thriller

Cast: Theo James, Ben Kingsley, Jacqueline Bisset, Rossif Sutherland, Rachel Wilson, Brian Markinson, Shauna Macdonald, Daniela Lavender, Belçim Bilgin, Dwight Ireland, Elena Khan, Mishu Vellani, Aidan Devine

Un film di: Per Fly

Durata: 108 minuti

Data di uscita: 11 luglio 2018

REVIEW OVERVIEW
Buono
Previous articleUnsane
Next articleHereditary
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here