Arte e documentari per riflettere a Connect Expo 2014

0
501
Esma Redzepova in RRomani Soul - Il Canto dei Rom

Dal 18 al 23 dicembre, la suggestiva e centralissima cornice del Teatro dei Dioscuri di Roma, in Via Piacenza 1, vicinissimo al Quirinale, vede un evento che combina varie forme di arti internazionali, all’interno di Connect Expo 2014, un’iniziativa italo-canadese pensata per far incontrare artisti di tutto il mondo con investitori e membri della politica e diplomazia internazionale in modo da valorizzare e promuovere un’idea diversa di arte, che abbia anche una sostenibilità socio-economica per gli stessi artisti, che possano quindi finalmente veder riconosciuto il valore del proprio lavoro. Questi artisti provengono da Europa, Canada, Stati Uniti, Russia, Venezuela, Iran ed Emirati Arabi Uniti che presentano opere di cinema, musica, arti figurative, mobili di alto design italiano fino a particolari performance di hair style.

Particolare interesse riveste il documentario “Rromani Soul” (Il Canto dei Rom) del rinomato regista svizzero Louis Mouchet, che fa luce sulla vera origine e anima dei Rom, comunemente indicati come zingari.

La figura carismatica della cantante macedone Esma Redzepova, “Regina dei Gypsiespopolarissima nell’area ex jugoslava e nei Balcani, accompagna lo spettatore in un viaggio alla ricerca delle vere origini dei Rom passando dalla Macedonia al sud della Francia fino ad arrivare in India, dove si rivela che l’unica origine di questo popolo si trova qui, a Kannauj nell’Uttar Pradesh.

Con lunghe immagini sul folklore, i rituali e i dialoghi tra la cantante e le persone che lei incontra, si impara a conoscere la spiritualità di questo popolo durante i suoi primi stanziamenti, tracciando una parte di questa storia e lasciando la curiosità di approfondire le sue evoluzioni successive. Certamente il film fa riflettere sulle particolarità di un popolo che ha un interessante sostrato di spiritualità orientale, incluse arcaiche forme di mantra e di rituali, dove si avverte una complessità cui non si è più abituati nel rispetto e la comunione tra persone.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here