Aquaman

0
669
Arthur Curry in Aquaman

Mio padre era un guardiano del faro. Mia madre era una regina. Ma la vita ha un modo di riunire le persone. Mi hanno fatto quello che sono.
(Arthur Curry – Jason Momoa)

Questa volta la Ds Comics decide di raccontare le imprese di Arthur Curry, interpretato dall’attore Jason Momoa, metà umano e metà atlantideo, la cui missione tra numerosi ostacoli è quella di recuperare il Tridente Perduto di Atlan, diventando così l’unico degno re di Atlantide e garantendo la pace tra i due popoli.

Ci troviamo in uno scenario del tutto nuovo e davvero interessante per i Comics, che attingono dalla storia e dalla leggenda: si tratta del mondo sottomarino dei Sette Mari derivato da Atlantide, sprofondata ma ancora viva, una cultura neoclassica del Mediterraneo altamente avanzata pur mantenendo antichi diritti e tradizioni. Una società sottomarina formata da razze diverse che, nel tempo, si sono evolute per vivere sott’acqua (alcune infatti hanno sviluppato delle sembianze marine oltre a poteri straordinari), di cui l’uomo sulla terra è completamente ignaro e che è paragonabile per certi versi a Roma antica.

Aquaman è frutto dell’amore proibito tra un guardiano del faro, interpretato dal neozelandese Temuera Morrison, e la regina di Atlantide Atlanna, di cui la algida Nicole Kidman veste magistralmente i panni, fuggita dal suo regno dopo essere stata promessa sposa al re. Per salvare il figlio e l’amante è costretta a sacrificarsi abbandonandoli per sempre e facendo ritorno negli abissi.

Da lei derivano i sorprendenti poteri di Aquaman: una forza non comune, sensi potenziati e una pelle d’acciaio, in più la possibilità di respirare sott’acqua, anche a profondità elevate, nuotare a una velocità supersonica ed essere in comunicazione telepatica con i pesci.

previous arrow
next arrow
PlayPause
Slider

 

Dal padre invece, deriva la sua umanità e fragilità: Arthur Curry è un uomo, se pur valoroso e buono, che si è autoemarginato e che nutre una grande rabbia verso gli Atlantidei che hanno giustiziato la madre, non si crede all’altezza delle aspettative e del suo compito, e si crogiola in un certo disinteresse nel risolvere i problemi.

Il regista della pellicola, James Wan, ha scelto un attore perfetto per questo ruolo che, essendo un Hawaiano cresciuto nell’America Centrale, non si è mai sentito di appartenere veramente a nessuno dei due luoghi, proprio come Aquaman. Con il suo carattere duro e sarcastico, ma anche con il suo umorismo speciale, il protagonista dovrà cercare di accettare se stesso e il suo destino da re.

Il suo nemico numero uno è il fratellastro Orm (Patrick Wilson), attuale re di Atlantide, assetato di potere e spinto dall’odio verso il fratello “mezzo sangue”, il cui scopo è quello di diventare Signore Degli Oceani riunendo tutto il regno sottomarino e di attaccare la superficie a causa dell’inquinamento dei mari provocato dall’uomo, motivazione in realtà legittima che non lo designa come il tipico “cattivo”.

Orm si allea con il pericoloso e imprevedibile Black Manta, nemico di Aquaman, che ha sete di vendetta per la morte del padre e che cerca di contrastare l’eroe sulla terraferma con l’ausilio della potente tecnologia atlantidea.

Oltre al tema della famiglia, il regista sottolinea un altro spunto importante: quello della forza femminile, della donna in veste di eroina al pari di un uomo. Infatti la co-protagonista dell’action-movie è Mera (Amber Heard), principessa del regno di Xebel con il potere dell’idrocinetica e promessa sposa di Orm. Sarà lei ad affiancare Aquaman nel perseguire la sua causa e colei che con la sua intraprendenza e inclinazione alla leadership gli guarderà le spalle nella lotta contro i nemici.

Infine, un altro personaggio di spicco è sicuramente Vulko, interpretato dal grande Willem Dafoe, ufficialmente consigliere al trono di Atlantide e diplomatico, ma in segreto mentore e insegnante di Arthur sin dai tempi in cui era solo un ragazzo. Vulko intuisce presto che Orm è fuori controllo e invia Mera in aiuto di Arthur.

Dal punto di vista tecnico si evince che sono stati notevoli gli sforzi da parte della produzione, poiché non deve essere stato affatto semplice ricreare un mondo acquatico in un ambiente asciutto; la tecnologia utilizzata è innovativa, come si nota nell’impiego della Virtual Production che, tra gli altri, ha consentito agli attori di interagire facilmente con le creature realizzate in CGI.

Forse qualche critica riguarda la sceneggiatura, che risulta a tratti debole e un po’ banale, alcune volte non così ironica come ci si aspetta, altre volte troppo melensa nell’esprimere i giusti principi che questa lavorazione propone.

In definitiva, si tratta sicuramente di una pellicola per tutta la famiglia e tutti i gusti, in quanto spazia dal fantasy alla tecnologia, dalle scene d’azione con combattimento alla mitologia, fino alla storia d’amore. Da vedere, ma non con grandi aspettative.

Aquaman

Genere: Azione, Avventura, Fantasy

Interpreti: Jason Momoa, Amber Heard, Willem Dafoe, Patrick Wilson, Dolph Lundgren, Yahya Abdul-Mateen II, Nicole Kidman, Ludi Lin, Temuera Morrison, Michael Beach, Djimon Hounsou, Leigh Whannell, Graham McTavish, Randall Park, Abdul Quadir Amin, Natalia Safran, Tahlia Jade Holt, Patrick Cox, Alice Lanesbury, Otis Dhanji, Kaan Guldur, Gabriella Petkova, Winnie Mzembe, Dylan Stumer, John Gettier, Anna Patch, Sophia Forrest, Mabel Tamone, Sam Monaghan, Jon Quested (I), Vincent B. Gorce, Connor Zegenhagen, Jack Andrew, Daniel Goodwin, Luke Owen

Un film di: James Wan

Durata: 143 minuti

Data di uscita: 1 Gennaio 2019

REVIEW OVERVIEW
Da Vedere
Previous articleL`uomo dal cuore di ferro, promo video e date
Next articleGreta, promo video e date
Carola Jasmins, artista italo-canadese, che vive tra Londra, Roma e Toronto, è un'appassionata di cinema da sempre. E' stata ballerina per molti anni, esibendosi in famosi teatri romani; durante gli studi in architettura, coltiva il suo amore per la musica studiando canto e cominciando a scrivere brani musicali. Oggi, cantante e compositrice, collabora con diversi artisti realizzando dischi internazionali soprattutto in inglese per il Buddha Bar, Radio Monte Carlo, la Sony ecc. e sperimenta diversi generi musicali, come il pop, la dance, la lounge, l'elettronica e il jazz. Presto uscirà il suo progetto musicale personale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here