Amityville: Il Risveglio

0
766
Bella in Amytiville: Il Risveglio

Non sei tu. E` la casa.
(Terrence – Thomas Mann)

La liceale Bella, sua madre, il fratello in coma James e la piccola sorella Juliet si trasferiscono a vivere in quella che è ritenuta una delle case più infestate degli Stati Uniti d`America, al 112 di Ocean Avenue, meglio nota al mondo come Amytiville. Solo la mamma in famiglia è a conoscenza di questo, che non ha detto a Bella proprio per non metterle preoccupazione.

Ma quando Terrence, nuovo compagno di classe di Bella, le rivela la tragica verità, la ragazza capisce perchè proprio appena arrivata a scuola tutti avevano iniziato a prenderla in giro. E proprio mentre il fratello inizia a guarire inspiegabilmente e la ragazza ha spaventosi incubi, Bella inizia a capire che le dicerie su quella casa non sono poi tanto campate in aria.

Un pò horror e un pò thriller, questo nuovo lavoro non riesce a raggiungere i risultati sperati, e per vari motivi. In primis la scelta dell`ambito e più nello specifico della tematica precisa: la storia di Amityville è stata usata in passati tante volte, e ci sono così tanti film sul tema, a cominciare da Amityville horror (1979) e proseguendo con Amityville II: The Possession (1982), Amityville 3-D (1983), The Amityville Horror (2005) e The Amityville Asylum (2013) e ancora con diversi video e film per la tv. Con storie di cui si è già raccontato molto, fisiologicamente la curiosità dello spettatore tipo tende a venire meno, e quindi si devono creare dei prodotti non solo buoni, ma meravigliosi e di altissimo livello per poterlo vedere finalmente soddisfatto. E non basta in questo senso citare all`interno del film i vecchi lavori su Amityville come fossero essi stessi dei film nel film, perchè l`operazione oltre che essere troppo rischiosa rischia di far cadere tutta la pellicola nel ridicolo. È vero che ad Amityville probabilmente sono successe molte cose, ma questa volta si è andati un pò troppo oltre probabilmente. Altro fattore che avrebbe potuto far decollare verso l`altro la trama sarebbe stato l`utilizzo di attori quotati, scelta che in questo caso non viene fatta, preferendo optare per attori di seconda fascia, ad eccezione a mio parere di Jennifer Morrison, star della serie televisiva Once Upon A Time (2011-2017), e Thomas Mann, che abbiamo imparato ad ammirare come protagonista del bellissimo Quel fantastico peggior anno della mia vita (2015). Essendo però le loro 2 parti minori nella trama, non riescono ad incidere quanto avrebbero dovuto. Effetti speciali buoni ma non di primissimo livello e un`empatia non pervenuta fanno da corollario ad un lavoro che sarebbe potuto essere migliore, anche in rispetto degli altri del passato, sicuramente migliori.

 Amityville: Il Risveglio

Genere: Horror, Thriller

Interpreti: Jennifer Jason Leigh, Bella Thorne, Cameron Monaghan, Taylor Spreitler, Thomas Mann, Mckenna Grace, Dan Martino, Hunter Goligoski, Brian Breiter

Un film di: Franck Khalfoun

Durata: 85 minuti

Data di uscita: 23 agosto 2017

SHARE
Previous articlePaddington 2, promo video e date
Next articleBaby Driver – Il genio della fuga
Fin dalla tenera età Daniele cresce a pane, libri e film che divora al cinema e in televisione ogni volta che ha un momento libero dagli studi. E' in questo periodo che decide che da grande farà il critico cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione e in Economia della Comunicazione, si occupa di Web a 360° tramite DreamyourMind ed è docente per Corsi, IFTS e Master Universitari. E' giurato di premi italiani ed esteri legati al web come PWI, Mediastars, W3 Awards, Communicator Awards, Davey Awards e partecipa a gestire Web Totale oltre scrivere per Linkiesta. Molto attivo nell’associazionismo, in particolare in quello legato al mondo della Comunicazione e in quello di Confindustria. Membro del Board of Director di Arpico, è ora attivo il suo progetto Connekt che punta a mettere in rete artisti, investitori, imprenditori, filmmaker, startup e venture capital. Tra i progetti Gourmicious, startup nel settore enogastronomico. Infine, è online su Amazon il suo primo racconto breve intitolato Il Filo di Arianna.

LEAVE A REPLY