Home / Avventura / Alice Attraverso lo Specchio
Alice Attraverso lo Specchio

Alice Attraverso lo Specchio

Quando il giorno diventa notte e il cielo diviene mare, quando l`orologio suona forte e non c`è rimasto tempo per il the. E nelle nostre ore più buie, prima della mia rima finale, lei tornerà a casa nel Paese delle Meraviglie facendo tornare indietro le lancette del tempo.
(Stregatto – Stephen Fry)

Nell’adattare il secondo libro di Lewis Carroll intitolato Alice Attraverso lo Specchio o, per meglio dire, nel proseguire il seguito di quell’avventura inventato nel precedente film diretto per la Disney da Tim BurtonAlice torna nello stravagante Sottomondo e viaggia indietro nel tempo per salvare il Cappellaio Matto.

Quel che vediamo è una storia ancora più distante dai libri dai quali riprende praticamente alcuni personaggi decontestualizzandoli completamente in un’altra storia. Il gruppo degli amici come il Bianconiglio, il Ghiro, il Cane e il Brucaliffo sono perlopiù un coro che fa presenza alle vicende principali che comunque, così costruite, producono un film che si fa seguire anche se rimane fondamentalmente un’avventura un po’ a sé, quasi da serie tv.

Alice incontra il Tempo personificato e viaggia attraverso il tempo per risolvere i problemi familiari del Cappellaio Matto e delle sorelle Regina Rossa e Regina Bianca dove avviene la medesima operazione, cara a una certa Disney dell’ultimo periodo, di indagare le ragioni della cattiveria dell’antagonista, la Regina Rossa, in un’ ottica in cui ogni forza ha la sua motivazione e il bene e il male non sono completamente da una parte, così anche il candore della Regina Bianca ha la sua macchia. Qualcosa di curioso anche se completamente inventato e tutto sommato non veramente epico per reggere un intero film.

Un certo carisma è rivestito dalla figura del Tempo personificato, interpretato da Sacha Baron Cohen, una particolare creatura metà umana, metà orologio. Per il resto la scena si divide soprattutto tra Mia Wasikowska, Anne Hathaway ed Helena Bonham Carter nei ruoli di Alice e le sorelle Regina Bianca e Regina Rossa.

Il Cappellaio  Matto, interpretato da Johnny Depp, da personaggio eccessivo e troppo presente del primo film qui è molto più dimesso, anzi da sceneggiatura è proprio malato, una figura malinconica più vicina a Tim Burton, così come concepito nel precedente film, che all’idea di Cappellaio Matto.

Quel che manca, ancora una volta, è il nucleo originale in cui Alice è una bambina persa in un mondo fantastico dove le logiche sono sovvertite in un luogo in assenza di senso, mentre il Sottomondo del film non è che un luogo fantasy dove costruire storie e parentele dei personaggi è un esercizio notevole, curioso ma fuorviante, dovuto ancora ai contributi della sceneggiatura di Linda Woolverton, alla base del precedente film e pure del discusso Maleficent (2014). L’idea di esplorare episodi familiari di personaggi che nascono per essere sospesi fuori dal tempo, dallo spazio e da ogni logica non fa che continuare a ridurre il capolavoro nonsense del materiale originale a una saga fantasy fondamentalmente uguale ad altre, per quanto d’effetto, soprattutto visivo. Gli effetti visivi infatti rimangono l’elemento più riuscito anche questa volta e qui vedono una gamma di colori anche più sgargiante.

Tanto varrebbe evitare di riprendere titoli famosi, e classici interni allo stesso Studio Disney ma dirigersi su storie completamente nuove dove sia consentita ogni libertà e inventiva. Ma se rispettare le storie originali non è più visto come un problema, è possibile che se questo film incasserà abbastanza, la strada dei sequel possa proseguire a oltranza. Storie completamente originali, ormai, non sarebbero nemmeno un male a questo punto solo che questa versione ha un’intrinseca natura episodica più che la struttura elaborata di un lungometraggio. Anche senza considerare l’eredità di un titolo così impegnativo i personaggi sembrano soprattutto sfilare sui binari di una storia più esile.

Quando il giorno diventa notte e il cielo diviene mare, quando l`orologio suona forte e non c`è rimasto tempo per il the. E nelle nostre ore più buie, prima della mia rima finale, lei tornerà a casa nel Paese delle Meraviglie facendo tornare indietro le lancette del tempo. (Stregatto – Stephen Fry) Nell’adattare il secondo …

Review Overview

AMAZING CINEMA

Sufficiente

Summary : Il ritorno a Sottomondo diventa un viaggio nel tempo per risolvere problemi familiari dei suoi abitanti in un film di struttura più fragile anche se si segue e sempre più lontano dall'originalità nonsense dei libri. Buone le parti di effetti visivi.

User Rating: 2.95 ( 2 votes)
50

Alice Attraverso lo Specchio - Locandina

 Alice Attraverso lo Specchio

Genere: Fantasy, Ragazzi, Avventura

Interpreti: Johnny Depp, Anne Hathaway, Mia Wasikowska, Helena Bonham Carter, Sacha Baron Cohen, Rhys Ifans, Matt Lucas, Ed Speleers, Stephen Fry, Alan Rickman, Michael Sheen, Paul Whitehouse, Barbara Windsor, Timothy Spall, Toby Jones

Durata: 108 minuti

Un film di: James Bobin

Data di uscita: 25 maggio 2016

About Andrea Di Cosmo

Andrea è laureato in Teorie e tecniche del linguaggio cinematografico. Segue e scrive di cinema e teatro, dopo aver coltivato e amato quest'ultimo personalmente, studiando teatro e canto e partecipando a spettacoli e Festival, in Italia e non solo. Ha scritto per varie testate tra cui Best Movie e Saltinaria, Cinespresso e Amazing Cinema. Nel suo percorso si occupa anche della promozione e organizzazione di eventi culturali, teatrali, musicali e turistici. Tra questi ci sono stati Musicultura, MArtelive, e il Levante International Film Fest.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Utilizziamo cookie tecnici e cookie profilanti per personalizzare i contenuti e gli annunci del sito internet, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, clicca qui.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close